Roma-Zorya, le pagelle: Mkhitaryan alla Pjanic, Zaniolo e Abraham ritorno di fiamma

La Roma porta a casa la sfida contro lo Zorya grazie ad una grande prestazione di Zaniolo, Abraham e Carles Perez. Sugli scudi anche Mkhitaryan, perfettamente a suo agio nel ruolo di mezzala. Ecco i voti dei calciatori giallorossi impiegati da Mourinho:


Rui Patricio 6,5: sempre sicuro e attento.
Mancini 6: l’unica ingenuità commessa è il giallo nel finale.
Smalling 6: torna dopo oltre un mese di assenza e mette minuti utili nelle gambe.
Kumbulla 6: non è ancora al top fisicamente e si vede ma con questi avversari non corre rischi.
Karsdorp 7: su e giù per la fascia destra come un vero carro armato. Se avesse anche la lucidità di azzeccare gli assist…
Perez 7,5: per la prima volta nel ruolo di mezzala è un piacere vederlo giocare. Realizza un bel gol ed è sempre nel vivo del gioco.
Veretout 6,5: deve fare il lavoro sporco per consentire agli altri di attaccare. Quando si inserisce è sempre pericoloso. Peccato solo per il rigore.
Mkhitaryan 7,5: intelligenza tattica fuori dal comune e una padronanza del gioco da grande centrocampista. Se arretrarlo vuol dire trovare un regista, ben vengano questi esperimenti.
El Shaarawy 7: sempre più a suo agio in questo ruolo alla Perisic. Abbina qualità e quantità.
Zaniolo 7,5: dopo un paio di occasioni sbagliate si sblocca e allarga le braccia come Ibra sotto la Tevere. Da lì in poi inizia lo show.
Abraham 7: anche per lui l’inizio non era stato confortante, ma grazie all’assist del 22 entra nella gioia della serata. La rovesciata è roba d’autore.
Ibanez 6: da rifiatare Smalling.
Zalewski 6: qualche dribbling interessante.
Shamourodov 6: quando entra lui la partita è ai titolo di coda
Mayoral: sv

Missori sv: in bocca al lupo per il futuro

Mourinho – ottiene una vittoria sonora con un modulo che non ama ma che rende tremendamente bene. Ora la testa è già al Torino, con la sensazione di aver ritrovato una Roma fisicamente e mentalmente più brillante.

Top