Roma-Inter, FONSECA: «Fatali quei 20 minuti del secondo tempo. Possiamo lottare con chiunque, la partita di oggi lo dimostra»

Queste le dichiarazioni di Paulo Fonseca, allenatore della Roma, rilasciate alla stampa al termine del match con l’Inter:

FONSECA A DAZN

Vincere sarebbe stato un tassello in più: si può essere grandi anche recuperando come avete recuperato oggi?
Difficile per me commentare, abbiamo fatto un ottimo primo tempo, dopo abbiamo smesso di essere la stessa squadra. Dopo il secondo gol siamo tornati noi, siamo tornati a giocare vicino all’area dell’Inter. Quei 20 minuti sono stati fatali.

Tante volte è stato complicato spiegare.
Non è un problema fisico, abbiamo chiuso il match come l’abbiamo cominciata.

Ha aiutato il cambio di Cristante?
Bryan è entrato molto bene in partita, è stato decisivo. La verità è che era importante avere Veretout in prima pressione, ma Bryan è entrato in campo molto bene.

Avevate perso le distanze
L’Inter ha iniziato ad abbassare Vidal e Brozovic, la squadra poi ha perso aggressività. Difficile affrontare squadre come l’Inter quando non si è in grado di pressare

Sul mercato cercherete un centrocampista?
Non è un nostro obiettivo, abbiamo Villar che è in ottima forma, abbiamo anche Veretout, Cristante, Diawara e Pellegrini, non ci sono motivi per prendere un altro mediano.

Comunque un passo avanti, Roma piena di personalità.
Dobbiamo pensare che quello che facciamo in molti momenti della partita possiamo farlo sempre. E contro squadre come l’Inter dobbiamo capire se vogliamo lottare contro squadre di questo livello. Dobbiamo mantenere la nostra aggressività sempre, non si può sbagliare contro squadre di questa qualità.

Il derby?
Sarà difficile come oggi, la Lazio è una grande squadra. Dobbiamo pensare a ciò che dobbiamo migliorare e quello che dobbiamo tenere per fare una grande partita.

FONSECA A SKY SPORT

Partita molto divertente
Si è vero abbiamo visto una grande partita tra due grandi squadre che vogliono giocare e fare spettacolo. Per me è stata una sofferenza perché dopo il nostro gol l’Inter ha cambiato ma il finale è stato giusto

È mancato un pizzico di coraggio in più dopo il vantaggio
Si abbiamo dominato la partita con la circolazione della palla nel primo tempo. Non possiamo dimenticarci che loro sono una grande squadra e hanno reagito, ma noi siamo stati poco aggressivi nei primi 15 minuti del secondo tempo. Dopo il secondo gol loro siamo tornati la solita bella squadra, è difficile capire perché abbiamo perso aggressività in quei 15 minuti

Ha avuto paura nel secondo tempo che potesse accadere la stessa cosa successa con l’Atalanta?
Loro hanno abbassato i due mediani e noi abbiamo perso aggressività abbassandoci troppo ma non ho mai pensato potesse succedere come con l’Atalanta

La Roma non ha mai battuto una big, la preoccupa?
No nom l’importante è vincere le partite non importa contro chi. È vero che abbiamo perso contro Napoli e Atalanta, ma oggi abbiamo dimostrato che possiamo lottare con queste grandi squadre

Dove vorrebbe intervenire sul mercato? Su che ruoli?
Non voglio parlare di mercato adesso, stiamo lavorando tutti insieme per cercare le migliori soluzioni per aiutare la squadra

Oggi risposte positive anche da chi é entrato
Si, Bruno Peres e Cristante sono stati importanti. Bryan è stato decisivo per il risultato


FONSECA A ROMA TV

Che gara è stata?
Abbiamo fatto un bel primo tempo, abbiamo dominato, avuto la palla e creato occasioni. La differenza è stata nei primi 15 minuti del secondo tempo. E’ vero che abbiamo affrontato una grande squadra, abbiamo lasciato che fossero aggressivi e contro una squadra come l’Inter è difficile. Poi la squadra è tornata ad essere la stessa e abbiamo segnato il secondo gol che abbiamo meritato.

Stesso risultato della scorsa stagione, ma Roma con più consapevolezza.
Siamo più forti, ma non possiamo dimenticare che abbiamo affrontato una grande squadra, che vuole lottare per il titolo. Dobbiamo capire che la squadra ha capacità come ha dimostrato oggi. Dobbiamo migliorare nell’avere questa capacità in 90 minuti e non solo 45 o 30 minuti. Avere questi momenti contro questo tipo di squadra può essere difficile per noi. Dobbiamo lavorare per avere equilibrio durante la partita.

Come si risolve questa situazione del secondo tempo?
C’è stata una cosa importante che non abbiamo capito: l’Inter ha abbassato Vidal nel secondo tempo. Dobbiamo essere corti e aggressivi, abbiamo perso le posizioni. Dobbiamo vedere e far capire ai giocatori quello che è successo.

Questa volta la Roma non è uscita dalla partita. La Roma ha fatto uno step in più dal punto di vista della mentalità?
Sì, la squadra ha dimostrato grande carattere. Ha avuto un coraggio impressionante. Dobbiamo capire che quando facciamo gol contro questo tipo di squadra non possiamo pensare di difendere. La migliore forma per difendere è avere la palla, quando non abbiamo il pallone allora dobbiamo essere corti. Dopo il primo gol, la squadra ha pensato di difenderi e non voglio questo.

Le è piaciuto come abbiamo sfruttato l’ultima punizione?
Sì, possiamo fare meglio.


FONSECA IN CONFERENZA STAMPA

Dopo quanto fatto oggi, cosa le dice questa partita? La Roma a cosa deve ambire?
Mi dice è che quello ho sentito in altre grandi partite contro altre grandi squadre. Possiamo giocare così con tutti. Penso che dobbiamo migliorare certi aspetti della partita. E’ importante pensare solo alla Lazio e sarà difficile. Non abbiamo bisogno di pensare ad altro”.

La continuità di prestazione?
Ci manca. La squadra ha dimostrato capacità per fare un gioco più equilibrato. E’ vero che abbiamo giocato contro l’Inter che ha grandi calciatori, ma possiamo fare meglio. Possiamo avere continuità in tutta la partita, ci sono stati quindici minuti fatali per noi. Dopo la squadra è tornata a essere la stessa. Abbiamo pensato che fosse importante difendere, ma non è così. Il modo migliore per difendere è avere la palla, non abbassandoci come fatto a inizio ripresa. Anche dopo il secondo gol loro abbiamo dimostrato ambizione e coraggio.

Come valuta Villar?
Ha fatto una buona partita. E’ in buon momento ma deve pensare solo a migliorare. Mi piace il coraggio di un ragazzo arrivato dalla serie b spagnola che vuole far giocare la squadra.

Top