La cura Ranieri è iniziata

Claudio Ranieri

(A. Austini) – Mai così pochi tiri in porta concessi agli avversari. Meno rischi nel palleggio. Il baricentro abbassato e le linee compatte. Concetti semplici, quasi elementari che sono bastati alla Roma per battere l’Empoli, seppur faticando. La cura Ranieri ha portato i primi riscontri sul campo, senza effetti speciali e con la sostanza che serviva. In fondo, questo ha chiesto la società al tecnico romano, una missione lunga dodici partite basata sulla concretezza per riportare la squadra in Champions. La prima è andata come si sperava, contava solo il risultato ed è arrivato, ora sotto con la prossima prima di fermarsi due settimane.

Ranieri è tornato a dieci anni di distanza dalla prima chiamata e adesso non deve raggiungere uno scudetto miracoloso bensì agguantare il quarto posto distante solo tre punti. Il suo vantaggio rispetto ai tanti ex che sono rispuntati in questi anni a Trigoria è innanzitutto non portarsi rancori dal passato. Con nessuno. Giocatori, tifosi, componenti della societa o giornalisti. Con le dimissioni del 2010, Ranieri cancellò in un colpo le difficoltà di quel secondo anno e il ricordo lasciato e rimasto positivo per tutti. Partendo da questa base, in pochi giorni si è messo a lavorare iniziando, per usare le sue parole, “dall’abc”. Ha notato i tanti gol subiti in stagione scaturiti da passaggi sbagliati e ha chiesto ai giocatori di non farsi problemi a lanciare lungo verso il centravanti, saltando la costruzione dal basso. Ha suggerito alla squadra di passare poco per la zona centrale del campo e di puntare più sugli strappi degli esterni Kluivert ed El Shaarawy. Ai difensori ha spiegato che è molto più importante “sentire” l’uomo in marcatura piuttosto che concentrarsi a tenere una linea difensiva corretta. Ovviamente, il risultato non è stato perfetto, la Roma si è comunque fatta gol da sola con Juan Jesus ma in tutta la partita, pur senza dominarla mai, ha rischiato meno.

Lo dicono chiaramente le statistiche. I 5 tiri tentati dell’Empoli sono il minimo stagionale concesso agli avversari, una solidità ritrovata che segue invece la peggiore prestazione difensiva dell’anno a Oporto, dove il dato degli “Expected Goals” della squadra di Coinceçao era oltre 3.5 mentre con l’Empoli è stato 0.2, mai così basso quest’anno. Ma oltre all’aspetto tattico – il modulo era più 4-4-2 che 4-2-3-1 – è soprattutto sulla sfera mentale che Ranieri è intervenuto. Colloqui singoli con i giocatori, la motivazione mirata di Schick, quella domanda a Kluivert (“ci hanno mandato il peggiore dall’Ajax?”) che spiega la strategia dialettica dell’allenatore, le sedute dirette parlando inglese, unica lingua comune negli spogliatoi di oggi. Qualche risposta è arrivata, anche grazie al ritrovato sostegno del pubblico come invocato dallo stesso Ranieri, ora il difficile è far durare gli effetti della cura.

Fonte: Il Tempo

Top