Schick: “Contento di aver scelto la Roma. Ora devo dimostrare chi sono”

Schick

Interessante intervista a Patrik Schick, attaccante della Roma interpellato nel ritiro della Nazionale della Repubblica Ceca:

Come ti adegui al fatto che stai diventando sempre importante in Nazionale? 
So che la mia posizione è cambiata. Ma il fatto che mi sia trasferito alla Roma non significa che dovrei avere un posto da titolare fisso. Niente affatto.

Ma i fan stanno aspettando che la squadra si regga su di te. Sperano che tu e Michael Krmenčík possiate essere i nuovi Koller e Baroš …
Non penso che siamo tipologicamente simili a loro. Ma possiamo essere importanti per la squadra. Solo quando giocheremo di più, potremo vedere se siamo all’altezza. Finora abbiamo giocato insieme solo con la Cina, ci vorrà tempo.

Nella prima stagione nella Roma hai appena segnato 3 reti. Il secondo sarà migliore?
“Lo spero! Ora devo dimostrare chi sono. Adesso gioco in una posizione diversa rispetto a come giocavo nella Sampdoria. Nel secondo anno mostrerò come sono veramente”.

Cosa ti ha dato e cosa hai preso in questo primo anno?
“Mi ha dato una nuova esperienza. Penso che non ci siano altri posti in cui ci sono le pressioni e i tifosi che ci sono a Roma. Quando lo provi, è difficile sorprenderti. Mentalmente, mi ha rafforzato molto. E cosa ho perso? Mi sono infortunato, quindi ho giocato qualche mese.

Cosa hanno detto al club alla fine della stagione? Hai sentito una certa pressione su di te visto l’investimento millionario?
“Non ho parlato con nessuno. Forse la società ha parlato con hi doveva discutere del proprio futuro, una cosa che in questo momento non mi riguarda”.

Ti sei mai chiesto come sarebbe la stagione se ti fossi trasferito nella Juventus un anno fa? È mancato solo l’ok nelle visite mediche …
“No, è un discorso chiuso. È un argomento su cui non ci sono mai tornato, non ne varrebbe la pena. Sono stato contento di essermi trasferito a Roma”.

Come hai vissuto quei momenti dell visite mediche?
“Dopo la prima visita, ho capito che c’era un problema al cuore. Me lo hanno detto subito. Ecco perché ti avevo detto in quel momento: ‘Non è chiaro, dobbiamo aspettare che i risultati arrivino …’ Sapevo già che c’era qualcosa di sbagliato. Ho dovuto fare altre analisi”.

Eri in Italia all’età di diciotto anni. Come è cambiata la tua vita?
“Non è cambiata per niente”.

Lo stile di vita italiano non ti ha influenzato? Forse avresti iniziato a gesticolare di più, a guardare la moda, i tatuaggi?
“No, sono ancora lo stesso di quando sono arrivato. Non seguo molto la moda, i tatuaggi non mi dicono nulla. È vero che nello spogliatoio della Roma ci sono dei giocatori tatuati. Ad esempio, Radja Nainggolan ha uno stile stravagante, non passa inosservato”.

Antonio Cassano, tuo compagno di squadra della Sampdoria…
“E ‘stato bello aver giocato con lui. L’ho incontrato all’aeroporto di Fiumicino per accompagnare un mio amico e mentre stavo scaricando i bagagli si è accostata una macchina e dal finestrino aperto c’era Cassano che mi ha detto: ridendo: ‘Mi fai un autografo?'”.

Lo hai soddisfatto?
“Gli ho chiesto cosa stesse facendo lì. Poi ci siamo incontrati al centro sportivo dove abbiamo fatto quattro chiacchiere. Per me, è uomo molto onesto, a volte forse troppo, ma sempre positivo”.

Come sarebbe stato se tu fossi diventato un pasticciere invece che calciatore? 
“Io non penso così. Sono contento di essere un calciatore. I miei genitori hanno una pasticceria, ma non è quello che vorrei fare. Ho scommesso sul calcio e fortunatamente è andata bene”.

Fonte: Lidovky.cz

 

Top