MOURINHO: “La Conference il ricordo più bello. Avrei voluto De Rossi all’Inter e al Real” (VIDEO)

Nei mesi scorsi José Mourinho ha partecipato ad alcuni spot pubblicitari per “Topps” dedicati ad Euro 2024 e, oltre al portoghese, tra i protagonisti erano presenti anche alcuni influencer. Uno di questi, Ohm, ha documentato tutta una giornata trascorsa con lo Special One in occasione di uno di questi spot. Nel momento della registrazione Mourinho era ancora l’allenatore della Roma, prima dell’esonero del 16 gennaio. Il tecnico, poi, ha rilasciato anche alcune dichiarazioni:

C’è un ricordo bello che si porta dentro?
”Sono tanti, belli e brutti, ed è difficile. Se devo scogliere dico l’ultimo con la Roma. Non è il trofeo più importante che ho vinto, ma dico la Conference League perché è l’ultimo e per la dimensione di gioia che ha portato. Ma ho tante partite fantastiche nella carriera da ricordare, è difficile scegliere. Anche tra quelli brutti: ho perso due semifinali di Champions ai rigori, una finale di Europa League ai rigori perché l’arbitro ha deciso che non potevamo vincere”.

Ha allenato grandissime squadre, c’è un giocatore che le piacerebbe allenare?
Non ho un giocatore in particolare. Ad esempio, Messi non ha mai avuto bisogno di un allenatore. Dire di allenare Messi, chi lo dice? Mi sembra assurdo: sa tutto ed è nato con tutto, sarebbe solo per dire di aver avuto l’onore di allenarlo. Per restare in ambito Roma, volevo De Rossi all’Inter e al Real Madrid ma non è stato possibile. Volevo Totti all’Inter anche in età avanzata, ma non è stato possibile. Sono giocatori che vuoi ma non riesci ad avere”.

Colleziona qualcosa  in particolare?
”Non sono un collezionista, ma ho delle maglie. Non trovo o chiedo, ma ogni tanto sì. Avrò tipo 200 maglie, sembrano tante ma 200 maglie in 1200 partite non sono tante. Mio figlio è un caso speciale perché mi chiede solo il top dei top. Ha una collezione più piccola della mia, ma ha solo top: Benzema, Modric, Messi, Cristiano Ronaldo… mio figlio punta solo in alto”.

Top