Conferenza stampa, MOURINHO: “Preoccupato dall’arbitro di domani. Il rapporto con la squadra è buono, ma dobbiamo alzare il tono. Ndicka era stato preso per fare panchina” (VIDEO)

Domani pomeriggio alle 18:00 la Roma scenderà in campo contro il Sassuolo, nel giardino di casa dei neroverdi. Alle 15:00 José Mourinho si è presentato in sala stampa di Trigoria per rispondere alle domande dei cronisti. Le sue parole:

Nello sport individuale sei da solo, non puoi condividere le responsabilità, sei da solo. Per questo mi piacciono tanti sport individuali, come il tennis, perché bisogna avere coraggio, personalità, anche un’altra cosa che non posso dire perché è una parolaccia. Quando perdi non puoi responsabilizzare nessuno. È un esempio per gli sport collettivi, per questo mi piace analizzare sport individuali. Mi hanno fatto arrivare dei rumors, è una perdita di tempo pensare che io faccia nomi in merito a chi mi riferivo l’altra sera. Internamente sì, anche oggi ho avuto una buona conversazione con i giocatori. Quanto più è positivo il rapporto con una persona, tanto più sei a tuo agio a dire cose brutte. Quando ci sono amore ed empatia è più facile tornare alla situazione normale. Ho detto quello che ho pensato e lo penso. Il rapporto è molto buono, stiamo insieme e insieme andiamo a Sassuolo a cercare di prendere un risultato in una gara che non è che mi fa paura, ma non mi sento a mio agio“.

Che insidie nasconde il match?
Buona squadra, buon allenatore per il progetto che vogliono loro. Giocano 38-40 partite a stagione e si preparano da una settimana. Arrivano al top e questa è la prima insidia, la loro qualità. Poi sono onesto: l’arbitro mi preoccupa. Oggi è una partita super importante per noi. Il profilo dell’arbitro non mi lascia tranquillo, ma neanche il var, purtroppo è un arbitro con cui sempre abbiamo avuto sfortuna. Poi abbiamo ancora un giocatore che mi dispiace ma devo nominarlo, che è Berardi: è un giocatore assolutamente fantastico. Amo quel giocatore, ma bisogna avere più rispetto per gli avversari e per il gioco. Fa troppo per destabilizzare gli avversari, prendere in giro, prendere rigori inesistenti, lo amo e lo odio

Ha sempre avuto buone risposte dai suoi giocatori dopo uno sfogo. Come si porta la squadra al livello successivo? 
Non sarà girare la testa dall’altro lato e non guardare la situazione. Ho detto ai giocatori che se vogliamo avere ambizione di volere di più, questo tipo di profilo che ti fa stare sempre in zone di comfort, magari a qualcuno piace, a me no, a me piacerebbe più emozione giocare con una squadra che deve salvarsi, che gioca per un punto per non andare in Serie B. Una situazione di tranquillità non mi piace. Ci sono allenatori esperti nel far giocare bene le squadre in alcuni ambienti, senza responsabilità. Ho detto ai ragazzi che bisogna essere meno superficiali. Nel mio vocabolario italiano base è la gara che meglio si adatta a quello che penso io. Io ho vinto un campionato con il Real Madrid con 100 punti e perso un altro con 93. Ogni weekend vincevamo noi e il Barça, se una volta tu pareggi sei in difficoltà. Dover vincere sempre è duro, serve quella parolaccia che non posso dire. Serve da tutti, non da 3-4. Non abbiamo il potenziale per vincere tutte le partite, non abbiamo il potenziale per lottare per lo Scudetto, ma lo abbiamo per stare lì al quarto o quinto posto con gli altri. Dobbiamo alzare il tono. Non so se riesco con le parole, ho spiegato ai ragazzi che si può migliorare con il lavoro di campo ma è dura. Non lavoro mai con Cristante, perché gioca e riposa. Vediamo se domani riusciamo a migliorare questo aspetto. Poi avremo una settimana piena per lavorare da martedì a domenica“.

Karsdorp da traditore a titolare: lei dà sempre una seconda possibilità. Si aspetta qualcosa da chi ha definito superficiale? 
Parliamo velocemente di Karsdorp, è esattamente quello che è successo con lui contro il Sassuolo quel giorno. Stavamo vincendo, abbiamo quasi divorziato, siamo stati al limite, poi empatia e buon rapporto ci ha fatto tornare indietro. Capisco che Rick è Rick e ha cose positive e debolezze, però non ha giocato l’ultima gara ed è fresco. Mi aspetto che giochi benissimo. Parlare di panchina è parlare anche di chi è entrato contro l’Udinese e ha vinto la partita. Chi è entrato nell’ultima non ha migliorato la gara. Non ho sbagliato decisioni nei cambi, magari nella squadra che ha iniziato la partita, mancava la compattezza sufficiente, potevamo essere 3-0 al primo tempo e oggi non avremmo parlato di questo“.

Qual è il potenziale della Roma secondo lei? Questi giocatori sono sufficienti o a gennaio serve qualcosa di più?
In condizioni ideali ovviamente mi piacerebbe avere più opzioni e più qualità, ma non voglio essere interpretato negativamente. Conosco la nostra situazione, penso infatti che siamo sottovalutati per quello che abbiamo fatto. Club, giocatori, proprietà, staff, siamo stati sottovalutati, siamo riusciti a fare cose importanti e stare lì con squadre che hanno altro potenziale. La mia squadra senza infortuni può lottare, però senza Smalling è dura, senza di lui una partita è dura, tre mesi e metti due in più…se lui non rientra entro la fine dell’anno solare, lui salta 68 allenamenti. Uno che non fa 68 allenamenti anche se torna il 31 dicembre, torna a fare che? A giocare? Ad allenarsi. E non è che in due giorni recuperi il livello, serve tempo. Quando vedete Kumbulla lì è perché voi vedete 15′ di allenamento. Riscaldamento, passaggi e poi è fuori. Kumbulla e Smalling sono fuori, Ndicka è venuto qua e Tiago ha fatto molto bene. Mi ha detto: “Mister, è perfetto per panchina e per crescere con te”, è diventato titolare ogni partita per la situazione. Siamo in difficoltà, gioca Cristante e poi non è davanti. Mentalmente sono oltre questo o quel nome, sono in una direzione per cui ogni gara sono questi e andiamo con questi e cerchiamo di fare il meglio. Senza lamentarsi, sono molto più positivo di prima, gioca chi deve giocare. Ndicka a gennaio andrà via, Mancini prenderà un giallo e salterà la Fiorentina e noi andiamo avanti con forza“.

Per gennaio le sono stati proposti dei nomi o non si potrà far nulla? 
La situazione è complessa, con il financial fair play c’è il rischio che prendi un giocatore e poi non può giocare in Europa o devi toglierne un altro. Se mi arriva la possibilità di avere una finestrina per fare qualcosa sarò molto contento e felice di poter fare qualcosa di positivo per la squadra, se non è possibile non è possibile e andiamo con tutto. Prima di finire, dico una cosa che mi ha detto un mio amico. ‘Tu sai chi è sfortunato con il secondo posto nel girone? La squadra di Champions che deve giocare contro di noi“.

https://x.com/officialasroma/status/1730947823531892737?s=46&t=CyOM22GxwDyoYzoFIxZQ8A

Top