Le PAGELLE di Cagliari-Roma: Lukaku è il Re, Belotti un bel principe. Paredes e Bove fondamentali

(K.Karimi – A.Papi) – I voti e le pagelle di Cagliari-Roma, valida per l’ottava giornata di Serie A:

RUI PATRICIO 6,5 – Da non sottovalutare il suo intervento iniziale su Petagna, quando si era ancora sullo 0-0. Non sarà tornato ai tempi della finale di Tirana, ma certe parate fanno ben sperare.

MANCINI 7 – Oristanio è un elemento tenace e rapido, ma l’esperienza del capitano di serata si fa sentire. Non soffre mai la pressione avversaria, neanche quando la Roma si rintana nel finale in attesa solo del triplice fischio finale.

CRISTANTE 7 – Certe chiusure difensive dimostrano quanto la sua applicazione sia meticolosa e senza fronzoli. Petagna e Pavoletti gli fanno il solletico. Ormai può fare tutto, e bene. Peccato per quella mano involontaria sul rigore sardo.

NDICKA 6,5 – A piccoli passi comincia a raccogliere consensi e buone prestazioni. Si dimostra subito più concentrato e presente e non commette errori né col pallone né in fase di marcatura. Dopo la sosta la prova del nove.

KARSDORP 7 – Indubbiamente il miglior esterno destro della rosa giallorossa. Piazza un ottimo assist per lo 0-2 di Lukaku e gestisce molto bene le operazioni sul suo lato. Non soffre nemmeno in fase difensiva, offrendo buon supporto a Mancini. La scelta definitiva deve cadere su di lui.

BOVE 7 – Dopo due, tre indizi alla fine c’è la prova. Con lui il centrocampo gira meglio, ovviamente non avendo a disposizione Renato Sanches. Corre per due, recupera palla e verticalizza spesso ad occhi chiusi per il movimento in profondità degli attaccanti. Belotti ringrazia e anche Mourinho, che si coccola una delle sue creature.

PAREDES 7,5 – Il vero regista della squadra. Con le gambe che iniziano a girare di più è in grado di coprire bene davanti alla difesa e imbeccare le punte in modo preciso. Cè il suo zampino in quasi tutte le azioni pericolose e nonostante un giallo rimediato piuttosto presto (francamente assurdo) ha saputo gestire anche l’irruenza e l’esuberanza. Perno centrale.

AOUAR 6,5 – Tanti dubbi alla vigilia, buone risposte sul campo. La sblocca lui con un bel tiro di sinistro in area, ciliegina sulla torta di una gara di sostanza. Se c’è da menare non si tira indietro (anche troppo) e fornisce il suo contributo anche sul piano dell’intensità.

SPINAZZOLA 7,5 – Una delle migliori versioni di questa stagione. Concreto in ripiegamento e propositivo nell’uno contro uno. Parte da lui l’azione del vantaggio ed è sempre nel vivo sulla trequarti. L’asse con Lukaku inizia ad essere una costante e se sta bene può essere un vero e proprio schema offensivo.

DYBALA 6 – Parte bene con la solita intesa con Big Rom e svariando molto su tutto il fronte d’attacco. Purtroppo un duro colpo al ginocchio lo costringe ad uscire in lacrime dal campo. Le sue prime sensazioni sono state molto negative e la speranza è che gli esami non mostrino qualcosa di grave. Fiato sospeso.

LUKAKU 8 – È già diventata la Roma di Lukaku. A Cagliari arriva la prima doppietta in maglia giallorossa e adesso siamo a 7 centri in 7 partite (tra campionato e coppa), solo Batistuta aveva realizzato più gol nelle prime 6 gare giocate con la Roma in Serie A. Segna di petto la rete dello 0-2 e chiude i giochi con lo 0-4 con il classico movimento da bomber d’area di rigore. Fa reparto da solo, trascina tutti sia sul piano tecnico che caratteriale. Un valore imprescindibile, che merita di giocare per le zone alte della classifica.

dal 40′ (per Dybala) BELOTTI 7,5 – Momento molto positivo del Gallo, che oltre al solito sacrificio di corsa e recuperi sta finalmente trovando la lucidità giusta sotto porta. Entra bene in partita e fa dimenticare il trauma Dybala con un gol bellissimo e un taglio profondo che dà il la al poker di Lukaku. Scorta di lusso

dal 69′ (per Aouar) PAGANO 6 – Più rincorse e contrasti che palloni toccati, ma la partita era già chiusa da tempo.

dal 69′ (per Karsdorp) KRISTENSEN 5,5 – Il meno abile ad entrare in ritmo partita. Commette qualche errore tecnico di troppo e cicca clamorosamente l’assist per Belotti che era solo in area.

dal 79′ (per Paredes) CELIK SV – Messo a fare la mezzala in modo inedito per gli ultimi 15′..


ALL. MOURINHO – Se c’era bisogno di una risposta del gruppo miglior partita non poteva esserci. Gruppo compatto, solidità difensiva e buona qualità di gioco. Ovviamente il livello dell’avversario era di cabotaggio limitato ma la prestazione è stata convincente. I giocatori sono con lui e se gli infortuni non limiteranno più di tanto la rosa si può sperare in qualcosa di meglio della metà classifica attuale. Dita incrociate per Dybala.

Top