Stadio, da settembre si accelera. La data faro dei Friedkin è il 2025

Il nuovo stadio della Roma non è ancora arrivato, ma resta una delle priorità assolute del club: il fascicolo si trova sul tavolo del CEO Berardi, il quale sta lavorando insieme ai suoi collaboratori. L’obiettivo sarebbe quello di avere la casa interamente giallorossa entro la fine del 2025, anno in cui scadrà l’accordo tra la Roma e Sport e Salute per lo Stadio Olimpico. La posizione che metterebbe d’accordo sfera pubblica e privata è Pietralata, infatti sono state accantonate per il momento l’idea ex Gazometro ed il restyling del Flaminio. Archiviata la fase dei primi colloqui con il Comune, la società giallorossa ha fatto recapitare in Campidoglio una brochure di 20 pagine nelle quali veniva illustrato il progetto. Ovviamente non è completo, ma la Roma ha fatto capire al sindaco Gualtieri che l’intenzione è una sola, ovvero costruire solamente lo stadio e non un quartiere intero, motivo per cui naufragò il progetto di Pallotta. I giallorossi comunque creeranno alcune attività come il comparto food and beverage, il tour dello stadio e così via. Gli introiti del nuovo stadio sarebbero fondamentali anche in chiave bilancio e permetterebbero di rendere la Roma ancora più competitiva.

Fonte: Corsport

Top