Roma, il futuro di Fonseca: nervosismo, offerte e il rapporto con Pinto

(M. PINCI) – Nervoso, polemico, addirittura spettinato (detto col massimo dell’invidia). La stagione della Roma sta rivelando nuovi angoli del carattere di Paulo Fonseca. Dopo la sconfitta di Parma ha misurato le parole: il giorno prima aveva ammesso di avere una squadra stanca, visto che deve giocare da un mese il giovedì e la domenica. Ma dopo quel 2-0 ha accusato solo “problemi di concentrazione”, come a dire ai giocatori che prendersela col calendario non serve. Solo, poche ore dopo che la società, proprio sul tema del calendario, aveva aperto una breccia nei rapporti già complessi con la Lega Serie A, scrivendo una lettera affilatissima, benedetta proprio dall’allenatore, molto innervosito dal rinvio di Juventus-Napoli che ha concesso alla squadra di Gattuso più giorni per risposare prima di doversi presentare all’Olimpico.

Più passa il tempo, più pare inevitabile che una eventuale conferma non possa prescindere dalla qualificazione della Roma alla prossima Champions. Durante Roma-Shakhtar all’Olimpico era presente l’agente Abreu, ma non risultano contatti con il club giallorosso per il rinnovo, che scatterebbe in automatico in caso di 4° posto. E questo è il punto. Trovare un sostituto non sarebbe difficile, per il club giallorosso. Il consulente di Ryan Friedkin, Charles Gould, pure lui sugli spalti dell’Olimpico giovedì sera, avrebbe già pronta una rosa di nomi. Anche di vertice, se non proprio di esperienza. E l’allenatore portoghese ha ricevuto in questi mesi manifestazioni d’interesse da alcune società, anche italiane. Lui però vorrebbe restare a Roma, una città in cui la sua famiglia si trova benissimo. Anche perché il rapporto con il general manager Tiago Pinto, agevolato dall’idioma, è ottimo e quotidiano. Ma non può essere l’unico mattone su cui costruire il futuro. […]

Fonte: Repubblica.it

VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Top