ROMA-GENOA Luis Enrique: “L’obiettivo è vincere tutte le partite da qui alla fine”

Sky Sport 24

Seconda vittoria consecutiva per la Roma senza subire gol, fase difensiva più attenta, meno 4 punti dal terzo posto,  merito anche del lavoro di Luis Enrique che a fine partita dichiara:

Si aspettava che dopo il derby si potesse incorrere ancora il terzo posto

“L’obiettivo era vincere le partite che mancavano. Siamo partiti con due vittorie molto importanti”

Roma meno bella ma più concreta?

“Oggi non siamo stati già dall’inizio al nostro livello. Abbiamo sofferto tantissime palle perse. Dopo il gol siamo stati troppo imprecisi. Complimenti al Genoa”

Siè sentita la mancanza di Totti?

“No. Dopo il gol siamo stati timorosi nel fare il pressing che di solito facciamo. Abbiamo fatto errori nell’inizio del gioco. Il risultato ci da fiducia”

Sembrava che quando la Roma non aveva il pallone  i giocatori erano comunque in grande condizione

“Si questo mi fa piacere perchè è stato sempre uuno de punti che ci hanno contestato. Sapevo che con questo preparatore atletico i miei avrebbero corso tantissimo. Andare avanti così però è molo difficile: ilGenoa avrebe potuto pareggiare ma l’atteggimento è giusto e sonosoddisfatto”

Quanto è lontana la squadra da quello che vuole?

“I sono state partite che mi sono piaciute tantissimo. Credo che dall’inizio la squadra è mgliorata tantissimo ma in questo torneo l’importante è la regolarità. A dieci partite dalla fine siamo sesti ed è quello che meritiamo”

Di quelle davanti qual’è la iù difficile da raggiungere?

“E’ difficile essere vincenti nelle dieci partite. La più forte? Spero sia la Roma”

In quale personaggio Disney si rivede?
“Non lo so non te lo posso dire”

‘E’ stato lei lo “sponsor” della maglietta per Abidal?

“No è stata una cosa dei calciatori che sottoscrivo”

 

Mediaset Premium

Sul terzo posto

“E’ difficile essere una squadra con regolarità, è difficile fare 2-3 risultati positivi di seguito”.

Pregi e difetti delle ultime due partite?

“A Palermno primo tempo buono, oggi mi è piaciuto lì’inizio, ma poi non mi piaciuto niente, abbiamno vinto, è bello non prendere gol. Rafforza la squadra, ma noi siamo stati troppo imprecisi”.

Gli automatismi?

“Dipende dallo stato dei calciatori, dagli avversari… e oggi hanno fatto benissimo. Sono stati bravi a fare pressing e noi eravamo in difficoltà, abbiamo fatto però 4-5 palle gol. Così non mi piace vincere, ma è importante vincere”.

Sul Milan

“Sarebbe bello vincere con gli attuali campioni, sarà una bella sfida e ci stiamo già pensando”.

Sulla posizione di Lamela

“Non credo che sia stato preso per fare gol, è un classe ’92, ha una personalità e umiltà che può essere importante per la sua carriera”.

Stasera i terzini spingevano a turno…

“Si, stiamo lavorando sull’atteggiamento della squadra. Voglio sempre i terzini alti, io cerco di migliorare la squadra”.

Sulla posizione di Osvaldo, largo che si accentra…

“Penso che giochiamo con 3 punte, e loro sono sempe a disposizione”.

Sulla classifica

“Avere l’opportunità di arrivare in alto sarà difficile, ma la partita con il Milan può essere un punto di riferimento per noi”.

Cosa è cambiato dopo il derby?

“I derby sono stati due partite molto importanti per noi, giocate con molte difficoltà, ma la squadra continua a pensare che ci sono ancora possibilità”.

 

Rai Sport

Tre punti importanti e una partita però non chiusa. Troppa sofferenza…

“E’ stata diversa dalla gara di Palermo. Non mi è piaciuta la squadra, la voglia c’era ma non la prestazione”

Terzo posto più vicino..

“Io avevo detto che dovevamo vincerle tutte, ci stiamo riuscendo”

A Milano che Roma si aspetta?

“Sarà difficile ma proveremo a vincere”

Lei vorrebbe giocare come giocava prima o va bene più adesso?

“Credo che tutti sanno che è importante lo stato d’animo dei giocatori. Dopo il derby stavamo male ma credo che oggi non abbiamo fatto la gara perchè abbiamo perso tantissimi palloni”

La Roma ha sofferto molto sulla corsia di sinistra. Non era il caso di cambiare qualche giocatore?

“Si oggi eravamo in difficoltà. Loro hanno fatto molto possesso palla, spesso non succede contro di noi”

Bellissimo vedere i giocatori dedicare un pensiero ad Abidal. Che cosa si aspetta dall’avventura legata alla Disney?

“Farò la domanda ai miei figli e vediamo che mi dicono”

Ci crede al terzo posto?

“Si certamente. I nostri tifosi meritano di vederci giocare in Champions”

 

Roma Channel

Alla Roma è mancato spesso l’ultimo passaggio

“Si, perchè più vai vicino alla porta e più aumentano i calciatori loro davanti alla porta. Non sono deluso pure del secondo tempo, pure del primo, ma non perchè i calciatori non sono capaci e vogliosi, sono stati bravissimi per l’atteggiamento. Ma quando si vince bisogna sapere perchè si vince, e oggi nonostante le 4-5 palle gol eravamo in difficoltà. Siamo stati imprecisi nel possesso palla, oggi la percentuale dell’avversaria è stata più alta della nostra. Posso capire che la squadra ha bisogno di vincere, ma bisogna saperlo fare”

Sul pressing

“Se non lo facciamo con un pò di senso, loro tengono il pallone, anche perchè hanno qualità. All’andata siamo stati superiori e abbiamo perso. Oggi il pareggio era più giusto, ma non è stato così. E’ il calcio, ma dobbiamo pensare che a Milano dobbiamo giocare molto meglio”

Ora si parla di Champions, prima di grande delusione

“E’ normale che succeda così. Noi cerchiamo di non essere o bianchi o neri, tante volte è grigio. Ci sono state partite che ci hanno messo in difficoltà, il secondo derby per me ha avuto effetti collaterali perchè avevamo messo molto in questa partita. Ma poi abbiamo vinto due partite di seguito, la squadra non ha preso gol. Stiamo cercando di migliorare, dobbiamo tornare al nostro gioco e arrivare non solo a 4-5 gol ma a 10. Dobbiamo vincere meglio le partite”

Top