Inter-Roma, le PAGELLE: El Shaarawy illumina la Scala. Saracinsesca Jesus, Mirante provvidenziale”

(K.Karimi – A.Papi) – Ecco i voti e le pagelle del match di campionato tra Inter e Roma, giocato allo stadio ‘Meazza’:

-INTER-

Handanovic 7; D’Ambrosio 6.5, De Vrij 6, Skriniar 6, Asamoah 6.5; Vecino 6, Borja Valero 7.5; Politano 6.5 (Keita 5.5), Nainggolan 5 (Icardi 5.5), Perisic 7; Lautaro 6 (Joao Mario 5.5). All: Spalletti 6.

________________________________________________________________________________

-ROMA-

Mirante 7 – Dimostra e conferma sicurezza con la strepitosa parata in avvio su Lautaro, con un riflesso da gran portiere. Bene anche in altri interventi meno difficili, anche se pecca su qualche presa bassa. Incolpevole sul pari interista.

Florenzi 5.5 – Una buona prestazione difensiva macchiata irresponsabilmente dalla distrazione in marcatura che costa la rete di Perisic. Si fa attrarre dalla marcatura di Icardi e si perde l’uomo alle spalle. Purtroppo è l’ennesima conferma di come vada utilizzato più avanti sia per caratteristiche fisiche che tecniche.

Juan Jesus 7 – Galvanizzato dal suo ex pubblico, non paga nemmeno il fatto di essere sceso in campo senza preavviso. Anzi, quando non si carica di pressioni psicologiche rende molto di più. Praticamente perfetto in ogni singolo intervento.

Fazio 6.5 – In ampio miglioramento con l’arrivo di mister Ranieri. Erige un muro sui palloni alti, tant’è che la Roma soffre solo quando l’argentino non ci arriva col testone. Unico brivido: l’autorete rischiata su un tiro cross di Asamoah.

Kolarov 6 – Gara a due facce: quando attacca son dolori per gli avversari, non a caso sfiora la rete con due sgroppate esaltanti. Meno brillante in fase difensiva, messo in difficoltà dalla freschezza di Politano e dalle sovrapposizioni di D’Ambrosio. Il suo calo fisico nella seconda parte di questa stagione è fin troppo evidente.

Cristante 6 – Una vita da mediano a macinare chilometri. Sacrificio e senso della posizione, quando può impostare non dispiace.

Nzonzi 6.5 – Mai visto finora così solido e concentrato. Gioca una partita ‘alla De Rossi’, non perdendo mai la posizione e sbagliando pochissimo. Si fa sentire in entrambe le fasi strappando palloni e giocando senza fronzoli anche in verticale. Risveglio tardivo.

Under 5 – Corpo estraneo della squadra nel primo tempo, rientrato titolare dopo 3 mesi ha ancora troppa ruggine addosso. Giustamente lasciato negli spogliatoi dopo 45 minuti. (dal 46′ Zaniolo 5 – Si sacrifica a destra, passando poi nel finale al centro. Entra però in campo senza verve e con un ritmo decisamente sottotono).

Pellegrini 6 – Molto bene sotto palla, meno in fase propositiva. Sbaglia una conclusione in piena area col sinistro in apertura di ripresa al termine di un bellissimo contropiede. Esce esausto nel finale. (dal 81′ Kluivert 6 – Una decina di minuti a ritmi elevati, entra bene guadagnandosi un paio di angoli importanti).

El Shaarawy 7.5 – Quando sente l’aria di San Siro si accende, dimostrando di essere il giocatore più in forma della rosa. Tira fuori l’asso dalla manica con una conclusione a giro che non lascia scampo ad Handanovic al termine di una bellissima azione solitaria. 10 centri e tanta qualità, un calciatori da cui ripartire.

Dzeko 6.5 – Prestazione da leader, nulla da dire. Prepotente nel proteggere il pallone e perfetto nell’innescare le ripartenze con precisi passaggi. Peccato che in area di rigore sprechi un paio di occasioni che avrebbero lanciato la Roma verso il quarto posto.

All. Ranieri – Azzecca l’undici iniziale con un bellissimo primo tempo, chiuso in vantaggio. Vista la condizione della squadra, strappare un pari a San Siro è di tutto rispetto. Sta continuando in un lavoro di rivitalizzazione tutt’altro che semplice, proseguendo in una rincorsa folle e disperata al quarto posto. Visti alcuni nomi che circolano, fa bene a candidarsi per la panchina del prossimo anno.

Top