MKHITARYAN: “La Roma ha creduto in me, a fine stagione decideró se rimanere. Zaniolo? Puó diventare tra i migliori al mondo”

Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, è uscita l’intervista integrale di Henrikh Mkhitaryan alla nota rivista. Queste le sue parole:

Come ti trovi a Roma?
Molto bene. Il club e la città hanno tanta storia. Il tempo è simile a quello in Armenia, dove abbiamo 300 giorni di sole e il popolo italiano è un po’ come il mio: divertente, ironico e con una mentalità simile. Quindi mi sento bene. Ma ovviamente non sono qui per essere un turista. Sono qui per aiutare la Roma a raggiungere qualcosa.

Parli già sette lingue: come sta andando con l’ottava?
Mi sono fermato mentre ero infortunato, in modo da potermi concentrare sul recupero il più rapidamente possibile, ma nel tempo libero cerco di migliorare il mio italiano. È difficile, ma non bisogna sentirsi a disagio se commetti errori: non si arriva al successo senza commettere degli sbagli.

Come nasce la trattativa con la Roma?
Il mio agente mi ha parlato del trasferimento il primo settembre. Dato che non avevo nulla da perdere all’Arsenal ho detto di sì. Sono felice di essere qui.

Il tuo compagno di squadra, Nicolo Zaniolo, ha solo 20 anni ma è già molto apprezzato. Ha le possibilità di diventare un top player?
Di sicuro, può diventare uno dei migliori giocatori del mondo, ne ha le possibilità. È stato nominato miglior giovane della passata Serie A, il che significa che ha fatto un ottimo lavoro, ma non è abbastanza: è in grado di fare di più. Ha un talento enorme e può essere anche migliore.

Come valuti il ​​tuo tempo in Inghilterra?
Giocare in Premier League era il mio sogno e l’ho realizzato. Ho fatto alcune ottime partite e altre meno buone, il che è normale. È difficile essere continui quando a volte giochi e altre no, poiché non sei troppo sicuro di cosa stia succedendo. Al Manchester United abbiamo vinto l’Europa League. È stato difficile, dato che c’erano 25 giocatori e tutti volevano giocare. È stato un grande momento, ma volevo solo giocare più spesso, quindi sono andato all’Arsenal.

Descrivi l’approccio di Arsene Wenger
Giocare sotto di lui è stato un piacere. A tutti i giocatori ha detto: “Gioca a calcio e divertiti – se stai facendo qualcosa e ti diverti, significa che lo stai facendo nel modo giusto”. Ho trascorso ben sei mesi con lui all’Arsenal. Quando si è dimesso, è stato uno shock per tutti al club, io ero il ragazzo che è venuto in Arsenal perché  Wenger mi voleva. Ma questo è il calcio. Devi essere pronto a tutto.

Com’è stato giocare per Unai Emery dopo aver sostituito Wenger?
Ha prestato maggiore attenzione alle tattiche, quindi il mio ruolo è cambiato. Stavo iniziando da ala, ma ho dovuto costruire un gioco da n. 6, da centrocampista difensivo. È per questo che non ho potuto contribuire con tanti gol o assist. Mi piace giocare più liberamente e muovermi ovunque ci sia spazio, ma devi fare il lavoro che il manager chiede: la vittoria della squadra è più importante delle tue preferenze individuali. È stata una bella esperienza lavorare con lui, perché è il primo allenatore spagnolo della mia carriera e il calcio spagnolo è abbastanza tecnico.

Quanto è stato difficile perdere la finale di Europa League del 2019 contro il Chelsea a causa delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian?
È stata la mia seconda finale di Europa League: immagina se un giocatore non ha mai raggiunto una finale in vita sua e ha la possibilità di giocare, ma le questioni politiche gli impediscono di andare. È molto doloroso. Non sto dicendo che avrei potuto cambiare il risultato di una partita che abbiamo perso 4-1, ma mi sono sentito davvero male: stavo guardando la partita in casa e non potevo aiutare. Non voglio che accada ad altri giocatori.

La UEFA avrebbe potuto fare di più, forse cambiando sede?
L’unico modo in cui avrebbero potuto aiutarmi era far disputare la finale da qualche altra parte. Se c’è una piccola possibilità che una squadra o un giocatore possano viaggiare in un paese in cui politicamente non ci sono ottime relazioni, è probabilmente meglio non farlo. Ad esempio, se un club russo arrivasse alla finale di Champions League e questa fosse in Ucraina, sarebbe piuttosto difficile. Ho dovuto perdere uno degli appuntamenti più importanti della mia vita perché alcune persone non hanno ragionato.

Le autorità azere hanno affermato che era sicuro e avresti potuto giocare
Beh, non era la prima volta che il mio club giocava contro una squadra dell’Azerbaigian. Il Borussia Dortmund una volta ha giocato contro Gabala, e c’era un’altra partita con l’Arsenal contro il Qarabag. Per quelle due partite, non ho mai avuto il permesso di poter andare in Azerbaigian – poi in qualche modo, per la finale di Europa League, hanno detto che era permesso. Ma non mi piace parlare esso, poiché ci sono molte cose che la gente non capirà. Mi ha fatto davvero male non poter giocare a calcio.

Non ti hanno permesso di visitare l’Azerbaigian per le altre partite?
Non parliamone.

Perché hai lasciato l’Arsenal?
Conosco le mie qualità e cosa posso fare. Forse non potevo accettare di sedermi in panchina per molte partite. Ho 30 anni anni ormai e mi piace giocare a calcio, non solo sedermi in panchina e sprecare il mio tempo. Emery e Raul Sanllehi mi hanno assicurato che ero importante per l’Arsenal, ma ho firmato per la Roma perché credevano in me ancor di più.

Hai pensato di prolungare la tua permanenza alla Roma?
Questo prestito è per un anno, ma tutto è possibile e non sto chiudendo la porta. Ora sono felice a Roma. Alla fine della stagione possiamo discutere e decidere cosa fare.

Fonte: Four Four Two

Top