Ter Stegen: “Vogliamo continuare in Champions”. Valverde: “Non dobbiamo pensare di aver già passato il turno” (FOTO)

Dopo la conferenza congiunta di questa mattina all’Olimpico di Eusebio Di Francesco e Radja Nainggolan, alle 18.15, sempre nell’impianto che domani ospiterà la gara tra Roma e Barcellona, è il turno di Ernesto Valverde e Ter Stegen. Queste le loro dichiarazioni ai cronisti presenti:

Inizia la conferenza stampa con ter Stegen

La Roma si è espressa bene al Camp Nou, che partita ti aspetti?
“Lo sappiamo, abbiamo una partita da affrontare per nulla semplice. Siamo concentrati sul nostro gioco e sappiamo di aver un vantaggio e per noi non cambia nulla. Vogliamo continuare in Champions”

Fisicamente come arrivate?
“Si credo che abbiamo un buon organico che ovviamente ci aiuta. Siamo sempre freschi per le partite fondamentali. Sappiamo di poter fare affidamento su tutti e le cose sono più facili. ”

Di Francesco ha parlato di miracolo per passare il turno, sei d’accordo?
“Se rimarremo concentrati sarà dura per loro. ”

Come ricordi il gol di Florenzi?
“Non mi ha cambiato. So quello che devo fare, certo questi gol sono rari. C’è una situazione in cui questo viene valutato, ma poi ci sono altre 50 giocate in cui questo non succede. Il gol di Florenzi mi ha reso più forte con tutto quello che è  stato detto su di me. Io ovviamente mi aspetto da metà campo, ma per me il modo di giocare non è  cambiato. Fa parte del calcio”

Avete incassato solo tre gol in Champions, può essere un segreto per arrivare in finale?
“Incassare pochi gol è  un grande vantaggio. Noi lavoriamo bene a livello di difesa e vogliamo continuare a farlo fino a fine stagione. Questo è l’obiettivo”.

La Roma ha perso con la Fiorentina e deve rimontare il risultato negativo dell’andata, questo li può aver colpiti?
“Il campionato è qualcosa di diverso dalla Champions. Hanno uno svantaggio, ma finisce li. Sanno di dover segnare almeno tre volte e sappiamo che spesso le partite si evolvono in modo complesso. Rimaniamo concentrati sul nostro gioco”.

I tuoi 5 migliori portieri quali sono?
“Ce ne sono tanti bravi come Neuer, Buffon, Alisson. Sono tanti a poter fare la differenza. Non posso fare una valutazione su chi sia il migliore perché ognuno ha il suo modo di giocare”.

Nove anni fa ha conquistato la Champions con il gol di Messi, avete parlato nello spogliatoio di quella gara?
“Si fu una partita complessa e domani non sarà  diverso. Non parliamo del passato, ora abbiamo una nuova stagione e questa gara è totalmente diversa da quella giocata in passato”.

Il 4-4-2 ti rende più sicuro?
“Chi dice che giochiamo con questo sistema? (ride, ndr). Abbiamo una squadra e tanti nomi sul campo, ma soprattutto abbiamo un’idea chiara di come affrontiamo la squadra in campo. Busquets è un giocatore di grande qualità, ma abbiamo un organico molto ampio”.

Ritieni che quest’anno la Champions possa avere le migliori semifinali degli ultimi anni?
“Noi vogliamo esserci e tutte le partite che affrontiamo le giochiamo con entusiasmo. Possiamo arrivare in fondo, ma serve anche un po’ di fortuna e fin’ora abbiamo registrato dei buoni risultati. Ogni volta che scendiamo in campo facciamo il nostro gioco”.

Inizia la conferenza stampa del mister, Ernesto Valverde

Che partito ti aspetti?
“Mi aspetto un approccio come nella gara d’andata, avranno ancora più intensità. Quando sei sotto ti interessa fare il primo gol e noi dobbiamo fare una partita forte per superare il turno”.

Come si affronta la partita di domani?
“Non dobbiamo pensare di aver già vinto. Abbiamo un vantaggio, ma non possiamo giocare solo in funzione di quello. Dobbiamo giocare come se fossimo sullo 0-0 perché può succedere di tutto poi.”

Pensa possa essere possibile una vostra uscita?
“Dobbiamo far in modo che non succeda nulla di straordinario. Davanti abbiamo una squadra a cui è  difficile fare gol, ma non possiamo scendere in campo pensando di non giocarsela. Hanno giocatori estremamenti validi”.

Busquets?
“Dobbiamo valutarlo dopo l’allenamento di oggi, ma tutti i calciatori convocati possono essere titolari”

Il triplete?
“Non abbiamo vinto nulla, siamo in tre competizioni aperte. Quello che ci interessa è continuare a fare bene, il resto lo vedremo”.

Messi?
“Ogni allenatore ha lo scopo che i giocatori dell’altra squadra possano giocare meglio, noi avendo Messi condizioniamo l’approccio degli altri. Sappiamo, però, che Messi trova sempre un modo per entrare in partita. Bisogna capire quanto loro riusciranno a chiudere alcuni nostri giocatori. Anche noi dovremo fare attenzione”.

Qual è l’importanza della solidità  difensiva?
“Ogni squadra cerca il proprio equilibrio. Sei solido quando difendi bene, ma anche quando attacchi nella maniera corretta. Domani è un’altra partita e non sappiamo cosa succederà. ”

Piqué, Rakitic e Iniesta come arrivano a questa partita?
“Arriviamo bene. Abbiamo un piccolo problema fisico con Busquets, ma gli altri stanno bene. Abbiamo avuto tante partite come la Roma, ma quando hai continuità  di risultati anche la testa diventa importante”.

Se il Barcellona vincesse il campionato contro il Real Madrid?
“Non ci ho pensato, andiamo passo dopo passo. “

Top