Roma-Sampdoria, Mario Rui: “Soddisfatto del rientro, ma potevo fare di più” (VIDEO)

La Roma stravince contro la Sampdoria e vola ai Quarti di Finale di Coppa Italia. Di seguito le parole di Mario Rui:

Soddisfatto del suo rientro?
“Sono soddisfatto, potevo fare di più però sono tornato”.

Un vantaggio rientrare ora, nel momento di maggior forma della Roma Rientrare adesso è più facile perché la squadra sta facendo bene.
“Può essere l’Anno giusto per vincere? Non so se sia l’anno giusto. La squadra sta cercando di trovare la continuità a quello che stiamo facendo, poi i conti si fanno alla fine, ma la squadra sta dimostrando che può fare bene, speriamo di continuare così”.

L’infortunio, quanto ti sono stati vicini i tuoi compagni?
“Rudiger e Strootman specialmente mi sono stati vicino perché ci sono passati prima di me, sono stati da esempio, ringrazio sia loro che, come tutta la squadra e l’ambiente, mi sono stati vicini e ringrazio tutti”.

Debutta in una squadra che lotta per lo scudetto…
“È una grande spinta. Fino ad ora non ho avuto la possibilità di lottare per un titolo, ma ho sempre lottato per la salvezza. cosa che per certe squadre conta come uno scudetto”.

Cosa l’ha colpita di più a Roma, anche dell’ambiente?
“Per quello a cui ero abituato, i cambiamenti sono stati giganti, ero abituati ad ambienti più tranquilli, qua si vede subito la differenza però fa molto piacere e questo dà una spinta in più alla squadra”.

Conta di guadagnare la convocazione in Nazionale?
“Spero di essere convocato, ci spero, è un sogno. Cercherò di rimettermi al 100% ma prima penso alla Roma, poi se arriva la chiamata…”.

Avevi gioca giocato esterno in un 3-4-3?
“Sì, se non sbaglio allo Spezia e facevo il quinto di difesa, sia a destra che a sinistra”.

Differenze tra Spalletti e Sarri?
“Ci sono, ma è difficile parlarne. Magari parlo delle loro similitudini: la voglia di vincere sempre”.

Giochi aperti per lo scudetto, la prossima giornata può essere l’occasione per accorciare le distanze dalla Juve?
“La squadra non pensa alla Juve, dobbiamo dare continuità al nostro momento, poi i conti si faranno alla fine”.

Fonte: Rai Sport

-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_

Finalmente la prima presenza con la Roma
“Finalmente sì, l’infortuno fa parte del mestiere, se devo fare un riassunto di questa partita posso ritenermi soddisfatto ma non contentissimo. Potevo fare qualcosina in più”.

Sono arrivati i complimenti di Spalletti
“Ringrazio il mister per le sue parole, fanno paicere. Non era facilissimo dopo tutti questi mesi ma sono soddisfatto”.

Vittoria convincente
“Ho visto bene la squadra, il risultato parla da solo. Siamo stati bravi nel momento giusto ad ammazzare la partita”.

Oltre alla condizione fisica, ti sei trovato bene con la difesa a 3?
“Avevo già giocato con la difesa a tre in passato e non ho grossi problemi. Cerco di adattarmi il più velocemente possibile e migliorare in fretta. La condizione fisica? Sono al 40-50%”.

Era destino che dovessi esordire contro Marco Giampaolo
“Sì forse era destino. Con lui ho un gran rapporto, a livello personale è un allenatore fantastico che mi ha dato tantissimo. La mia ultima partita era stata proprio con lui, sono contento di averlo ritrovato”.

Fonte: Roma TV

Top