STADIO ROMA Dalla Regione Lazio precisazioni sui prossimi passaggi

Stadio Roma
Stadio Roma

In una nota pubblicata in data odierna, la Regione Lazio spiega l’iter che il progetto stadio dovrà seguire nei prossimi mesi.

“Nella giornata di ieri è stato dichiarato dall’Assemblea Capitolina, sul progetto preliminare relativo allo stadio della Roma, il pubblico interesse dell’intervento. È già stata attivata presso la Regione Lazio la procedura di Vas attualmente in fase di discussione. Si prevede che il parere verrà emesso nel mese di febbraio 2015. Ai sensi della legge 147/2013, il procedimento si svolgerà in sede regionale in quanto comporta atti di nostra competenza (Variante urbanistica). Per evitare di suscitare aspettative non corrispondenti alle previsioni normative è opportuno indicare quali saranno i prossimi passaggi procedurali previsti dalla legge di stabilità 2014. Innanzitutto la delibera capitolina ha riguardato uno studio di fattibilità con valenza di progetto preliminare – spiega la Regione Lazio – La legge prevede che, dopo la dichiarazione dell’interesse pubblico dell’assemblea capitolina, il soggetto proponente presenti al Comune di Roma Capitale un progetto definitivo aggiornato con le eventuali osservazioni richieste dal Consiglio Comunale. Pertanto è bene sottolineare che nessun procedimento amministrativo può avere inizio in sede regionale fino al momento della trasmissione da parte del Comune del progetto definitivo come aggiornato dal proponente. Presentato il progetto definitivo – continua la Regione – la Regione provvederà a convocare la conferenza di servizi per acquisire i pareri delle autorità competenti. La legge prevede che la procedura si debba concludere con deliberazione della Regione Lazio entro 180 giorni dalla presentazione del progetto. Va in proposito precisato che la scansione dei tempi procedurali delle conferenze di servizi è disciplinata dalla legge 241/1990, che prevede tra l’altro la possibilità di sospenderne i termini per l’acquisizione dei necessari nulla osta come ad esempio la Valutazione d’Impatto Ambientale».

Top