PRIMAVERA ROMA-EMPOLI 2-1 LE PAGELLE Marchegiani insuperabile. Soleri decide sul fotofinish. Tanti gli insufficienti giallorossi

Roma Primavera le pagelle
Roma Primavera le pagelle

Soffre sino all’ultimo secondo, ma la Roma riesce a portare a casa altri tre punti, allungando a cinque la striscia di vittorie consecutive e balzando a +3 sulle inseguitrici, con una partita ancora da recuperare (contro la Lazio, ndr). Partita soffertissima quella contro l’Empoli di Mario Cecchi, venuto a Trigoria a testa alta per non sfigurare. E non ha sfigurato affatto, anzi. I toscani hanno messo in difficoltà i giallorossi in tante occasioni, dimostrando una superiorità fisica a centrocampo e una maggior precisione in fase di costruzione. Male, molto male la Roma, brava e fortunata a mettere il pallone in rete nelle uniche due occasioni offerte dagli ospiti, su doppio regalo del portiere Biggeri. La squadra di De Rossi, forse stanca per i tanti Nazionali rientrati due giorni prima del match, fatica a costruire gioco per tutta la partita e non riesce mai a trovare il guizzo vincente, dimostrando che l’assenza in campo di Verde (convocato in Prima Squadra contro il Chievo) pesa, e molto. Nonostante tutto i tre punti sono arrivati e De Rossi può vedere il bicchiere mezzo pieno. Ora testa al Bayern Monaco.

Marchegiani 7.5: Se la Roma non affonda otto i colpi dell’Empoli è tutto merito suo. Si rende assoluto protagonista durante il match con almeno tre interventi decisivi. Incolpevole sul gol di Piu, con l’attaccante lasciato colpevolmente solo nel centroarea dai difensori di casa.

Paolelli 5: Soffre per tutta la partita le continue accelerazioni di Cassata, vera spina nel fianco della difesa giallorossa.

Capradossi 6: Dopo un primo tempo in ombra, cresce nel secondo tempo contenendo bene Piu.

Marchizza 5.5: Soffre la velocità degli attaccanti ospiti e pesa il suo errore nell’occasione del gol di Piu, lasciandolo libero di calciare da pochi passi.

Sammartino 5,5: Sbaglia molti palloni, ma la sua spinta offensiva è puntuale fino all’ultimo.

Pellegrini 5: Bene in fase di copertura, ma male nella costruzione del gioco. Impreciso in tante occasioni.

Ndov 5: rilevato dal campo dopo solo quaranta minuti, fa vedere ben poco di quanto voleva vedere il tecnico De Rossi che lo ha continuamente rimproverato fino alla “obbligata” sostituzione. (40′ Di Livio 6: Entra con lo spirito giusto, degno del suo nome. Lotta contro tutti gli avversari e cerca sempre il dribbling. E’ lui ad animare il gioco giallorosso).

Adamo 5:  In ombra quest’oggi, d’altronde come tutti i suoi compagni di reparto. Nullo in fase offensiva. (84′ D’Urso 6: Si rende pericoloso con un paio di accelerazioni sul fondo).

Ferri 6: Fatica a saltare l’uomo e a farsi trovare libero dai compagni, ma ha il merito di pareggiare il risultato dopo un clamoroso errore di Biggeri.

Di Mariano 5.5: E’ l’ultimo ad arrendersi. Si accende a tratti cercando spesso (anche troppo) l’uno contro uno. Si divora nel finale un clamoroso gol da pochi passi, ma fortunatamente ci mette lo zampino sul gol del 2-1 di Soleri.

Taviani 4: Assolutamente insufficiente la partita del centravanti giallorosso. Si nasconde tra le linee dell’Empoli, non rendendosi mai pericoloso. (45′ Soleri 7: Entra in campo al posto di Taviani ed è un’altra storia. Movimenti da grande attaccante e fa continuamente a sportellate con i difensori avversari per proteggere il pallone. Propizia il pareggio di Ferri, mettendo in difficoltà Biggeri che sbaglia il rinvio e segna il decisivo 2-1 al 90′ con un tap-in vincente dopo la brutta respinta del portiere dell’Empoli sul tiro di Di Mariano).

All. De Rossi 6: Corregge gli errori nella formazione in corso d’opera, con tre cambi azzeccati, vedi l’entrata in campo di Soleri.

A cura di Leonardo Esposito (Twitter @Lnrd_Spst)

Top