GAZZETTA DELLO SPORT Rivoluzione vincente

Benatia Florenzi Gervinho

(M.Cecchini) – Il futuro, a volte, può inaspettatamente calzare come un guanto. Lo sta scoprendo la Roma che si sta rendendo conto come cambiare mezza squadra non sia un trauma. E allora il rosario dei nuovi titolari – De Sanctis, Maicon, Benatia, Strootman, Gervinho e Ljajic (Florenzi permettendo, ovvio) – danno tutti l’impressione di essere in giallorosso da sempre, santificati anche dalla Curva Sud, da ieri ufficialmente esaurita. Non a caso oltre la metà delle reti segnate (9 su 17) arrivano proprio dai nuovi.

ESPERIENZA & FUTURO I dirigenti hanno cercato esperienza e avvenire. Per questo, in porta De Sanctis sembra essere il leader ringhiante che mancava, così come Maicon la saggezza che corre e si fa sentire nello spogliatoio. Se Benatia ha sorpreso tutti anche per la vena realizzativa, il futuro sembra avere gli occhi di Strootman in mediana e Ljajic in attacco. Discorso diverso per Gervinho, voluto da Garcia, che non ci ha messo molto per farlo decollare anche come cannoniere.

«TRA INTER E NAPOLI » La prima regola che Garcia ha imposto, d’altronde è valsa subito anche per se stesso: imparare subito l’italiano. «Io l’ho fatto anche per rispetto dei tifosi – dice al Tg1 -. I dettagli pesano, possono far cambiare un risultato o una stagione intera. (e sul match col Napoli vedi a fianco, ndr). Ora si parla troppo di me, spero che i complimenti ci siano anche a fine stagione. Ciò che conta è il gruppo. Una squadra è come una famiglia, e la Roma è più una famiglia che un club. Certo, sono arrivato in un ambiente negativo in cui c’erano insulti per tutti, e non mi è piaciuto. C’era bisogno di fiducia. Qui c’è tanta passione, forse un po’ troppa. Non mi piace chi critica un giocatore o la mia squadra. Se ho da dire qualcosa lo faccio, ma i panni sporchi si lavano in famiglia». I modelli da raccontare sono un paio: «Guardiola e Nadal: da loro si può trarre spunti». Detto che «gestire un campione come Totti è facile», l’epilogo non può che essere su Inter-Roma. «Sarà difficile, ma faccio questo mestiere per vivere partite così». E saluta confermando come si chiami Rudi perché suo padre era tifoso del grande ciclista Rudi Altig. «Ma la bici mi piace così così». Eppure sa lo stesso come andare lontano.

 

Top