LA REPUBBLICA Osvaldo: “Non bacio la maglia perchè non sono un ruffiano”

Osvaldo esulta

(F. Ferrazza) – Chissà se saranno le ultime due gare con la maglia della Roma, per lui, sicuramente la sua testa è già alla finale del 26 contro la Lazio. Osvaldo non è uno da mezze misure neanche davanti alle telecamere e non infarcisce l’appuntamento di domani sera, epilogo del campionato, di troppi significati. «Dovremo dare tutto contro il Napoli perché storicamente è una sfida importante, ma inevitabilmente la mente ti tradisce e scappa verso il derby. Poi ci pensi e sai che per arrivarci bene devi fare bene prima contro gli azzurri».

Il Napoli arriverà oggi nella capitale, guidato da quel Mazzarri di cui tanto si parla e che si confronterà con gli umori dell’Olimpico proprio nell’ultima di campionato, sempre più stretto tra quello che sembra il suo passato e un possibile futuro. Ci sarà Osvaldo.«Io sono sereno — spiega l’argentino a Roma Channel — so quello che faccio, il resto sono chiacchiere. Mi guadagno l’affetto della gente sul campo, non bacio la maglia. Sono l’opposto di quel che si pensa, non mi piace essere ruffiano: da bambino non ero tifoso della Roma e se facessi gesti simili prenderei in giro i tifosi».

Sul fronte finanziario, la Roma ha versato, insieme ad Unicredit, tramite aumento di capitale, 72,5 milioni degli 80 previsti dall’accordo che ha spodestato la famiglia Sensi. Questo è quanto emergere dalla relazione trimestrale depositata in Borsa e Consob.

 

Top