GAZZETTA DELLO SPORT Totti, c’è un tabù: si chiama Pescara

Totti

(A. Pugliese) – Certo, questa volta non si tratta né di un raggiungere un record, né di tagliare un traguardo. E non c’è di fronte neanche una tra Parma, Cagliari e Sampdoria, le sue vittime preferite. Ma considerando quanto ci tiene Totti ai numeri, facile pensare che oggi vada a caccia almeno di un gol. Per guardare Silvio Piola da un po’ più vicino e per chiudere il cerchio e completare il giro di tutta la Serie A. Il Pescara, infatti, è l’unica squadra della massima serie a cui il capitano della Roma non ha mai segnato neanche un gol (uno in realtà c’è, ma è arrivato in amichevole nell’estate del 2010 su calcio di rigore). È pur vero, però, che la sola sfida tra Totti e gli abruzzesi risale allo scorso 25 novembre, quando la Roma vinse all’Adriatico con un gol di Destro.

Doppio obiettivo Oggi Totti andrà a formare il tridente d’attacco insieme a Lamela e Osvaldo (favorito su Destro, che viene dalle fatiche della partita di Milano di Coppa Italia — «viste le assenze dell’Inter, una passeggiata» l’ha definita Zeman, ex sia di Roma che di Pescara, al Tg3 — e che soffre anche di una leggera congiuntivite), in una partita che sulla carta sembra di una facilità disarmante. «Ma io temo moltissimo il Pescara proprio per questo — ha sottolineato il tecnico giallorosso Andreazzoli — perché magari ci si concentra su altre cose che non c’entrano nulla con la necessità di incrementare la classifica». Già, esattamente il doppio obiettivo di Francesco: mettere altri tre punti in cascina e rimpinguare quel bottino di 227 gol che lo portano a essere da solo alle spalle proprio di Piola nella classifica dei marcatori della A a girone unico.

Quanto entusiasmo Del resto — ed è una sorpresa — domani all’Olimpico (dove la Roma segna da 38 gare consecutive) si va verso i 45-50mila spettatori, che considerando l’avversario, sono un’enormità. Ma la vittoria di Milano ha riacceso l’entusiasmo nella gente giallorossa. Anche se nella tifoseria non si parla d’altro se non del derby di coppa. «Dovrà essere una festa, ci sarà buon senso e troveremo un accordo su data e orario», ha detto ieri il prefetto Pecoraro. Parole a cui il sindaco di Roma, Alemanno, ha aggiunto; «Sarebbe opportuno anticipare la partita di una settimana». Non si può, il 19 maggio c’è Roma-Napoli, altra partita storica nei ricordi di Totti. Intanto oggi c’è il Pescara e in panchina ci sarà Federico Di Francesco, figlio di Eusebio, ex Roma e amico di Totti. Che ha un appuntamento in più.

Top