ROMA-PARMA 2-0 Lamela apre le marcature, Totti raddoppia e supera Nordahl

Florenzi Lamela
La Roma batte il Parma all’Olimpico e continua la sua striscia positiva che dura ormai da 6 giornate. 2-0 firmato Lamela e Totti: l’argentino al 6′ si avventa su un diagonale di De Rossi, mentre il capitano mette il sigillo su punizione superando Nordahl.

PRIMO TEMPO – Andreazzoli ritrova Marquinhos in difesa, sceglie Tachtsidis in regia e lascia ancora una volta Osvaldo in panchina con Perrotta e Lamela alle spalle di Totti. Donadoni lancia Ampuero a centrocampo e in attacco affianca Sansone ad Amauri. Subito occasione per Florenzi su angolo battuto basso da Totti, poi al 6′ la Roma va in vantaggio con Lamela lestissimo ad avventarsi sul diagonale potente di De Rossi. Ancora i giallorossi in avanti: Totti al 13′ ci prova col destro dal limite, Mirante respinge in maniera non impeccabile; poi il capitano illumina con una grande giocata lanciando Marquinho, cross al centro e Perrotta in equilibrio precario colpisce la traversa. Al 27′ Perrotta viene agganciato in area, ma Russo incredibilmente lascia proseguire e fa cenno al centrocampista di rialzarsi, poi cinque minuti Mirante si oppone in uscita bassa su Lamela e Perrotta. Prima azione pericolosa del Parma al 35′, ma Burdisso anticipa bene di testa Benaluane, poi ci prova anche Gobbi al volo ma la conclusione del centrocampista è centrale. Il primo tempo si chiude sull’uno a zero, con la Roma che ha sprecato più di una volta il raddoppio.

SECONDO TEMPO – Partono subito a spron battuto i giallorossi: Totti al 47′ è sfortunatissimo, con l’incrocio dei pali che gli nega l’eurogol su calcio di punizione. Al 57′ primo cambio per il Parma con Biabiany al posto di Ampuero e tre minuti più tardi i ducali vanno vicini al pari con Paletta che di testa colpisce la traversa. Al 62′ Burdisso si immola su Gobbi e salva il risultato, ma la Roma sembra subire molto in questa fase. Andreazzoli inserisce Bradley per Tachtsidis e i giallorossi raddoppiano: punizione potente e rasoterra di Totti, Mirante non può nulla ed è ancora record per il capitano(secondo miglior marcatore della storia della serie A). Donadoni si gioca anche la carta Belfodil, esce Sansone, ma è sempre la Roma ad avere occasioni in contropiede: all’81’ assist al bacio di Marquinho, Totti sceglie la potenza e Mirante devia in angolo. Negli ultimi minuti tre cambi: Balzaretti prende il posto di Marquinho, Taddei quello di Perrotta, Galloppa quello di Parolo. I giallorossi controllano la situazione con sicurezza e portano a casa altri tre punti importanti per la rincorsa all’Europa.

Ivo Mauro

Top