IL ROMANISTA Coppa, la Roma ha ragione

Baldini

(D. Galli) Giovedì prossimo la Roma saprà se sei giorni dopo dovrà giocare il quarto di finale di Coppa Italia a Firenze oppure all’Olimpico. Accogliendo la richiesta del club giallorosso, la Corte di Giustizia Federale, l’organo che sovrintende all’applicazione dei regolamenti, darà il proprio parere sulla norma che, secondo la Lega di Serie A, porterebbe la Roma a giocare a Firenze, nonostante la Fiorentina l’anno scorso sia arrivata in campionato dietro la Roma.

Per la Lega, per Milano, non ci sono dubbi. Il 16 gennaio la Roma dovrà giocare i quarti di finale a Firenze, nonostante la posizione più alta in classifica nello scorso campionato rispetto alla Fiorentina – e dunque a dispetto del principio di formazione della griglia, che concede il diritto a giocare in casa a chi ha fatto meglio nella passata Serie A – e nonostante non ci sia assolutamente un problema di concomitanza con la Lazio, che disputerà il suo quarto con il Catania otto giorni prima. La Roma ha chiesto apposta un parere sul regolamento alla Corte di Giustizia Federale. La società sarà ascoltata il 10 gennaio alle 15. Per la Roma la questione è semplice. Anzi, è letterale.

Il regolamento della Coppa Italia prevede che, «se due società che disputano le gare interne sul medesimo campo (Roma e Lazio, ndr) hanno concomitanza di gare dei quarti di finale in casa, la vincente della competizione o, in subordine, la società meglio classificata in campionato al termine della stagione precedente a quella in cui si disputa la competizione mantiene il diritto di giocare in casa, mentre l’altra subisce l’inversione del campo». A Trigoria ricordano una massima, celebre nelle aule dei tribunali: «In claris non fit interpretatio». Il senso? Non si interpreta quello che è chiaro. E qui c’è poco da interpretare. La concomitanza di gare non esiste, per la Roma.

Se due incontri sono programmati a distanza di 8 giorni uno dall’altro, che concomitanza volete che ci sia? La Roma ha diritto a giocare in casa. Punto. Semplice. Letterale. La Roma ha presentato prima un’istanza conoscitiva (non quindi un vero e proprio ricorso, anche perché non c’è una decisione su cui ricorrere) alla Lega di A. Poi si è mossa su un altro terreno. Ha chiesto alla Corte di Giustizia Federale di pronunciarsi. Di esprimere un parere. Se la Corte dovesse dare ragione alla Roma, a Milano saranno costretti a rivedere il calendario. Curiosità. È la seconda volta in stagione che la Roma finisce davanti alla Corte. La prima era stata per il giudizio di secondo grado sulla vittoria a tavolino di Cagliari. E per la seconda volta un provvedimento che riguarda la nostra società potrebbe fare scuola, potrebbe aiutare il calcio italiano a tracciare linee meno contorte da seguire. Non resta che stringersi a Corte, che la Roma chiamò.

COSÌ I QUARTI DI COPPA ITALIA Lazio-Catania: martedì 8 gennaio, ore 21 (diretta Rai 2) Juventus-Milan: mercoledì 9 gennaio, ore 20.45 (diretta Rai 1) Inter-Bologna: martedì 15 gennaio ore, 21 (diretta Rai 2) Fiorentina-Roma: mercoledì 16 gennaio, ore 21 (diretta Rai 2).

 

Top