CALCIO SCOMMESSE Mauri domani in Svizzera

Stefano Mauri

Trasferta svizzera per Stefano Mauri. Ma non per una partita di calcio. Il centrocampista della Lazio sarà interrogato domani a Berna in merito alla vicenda del conto bancario svizzero intestato ai suoi genitori. Il calciatore è indagato con l’ipotesi di riciclaggio dalla Procura di Berna-Mittelland. A sentirlo sarà il pm Elena Catenazzi, il magistrato che il 21 settembre era stato a Cremona per incontrare il gip Guido Salvini e il pm Roberto di Martino, dai quali ha avuto del materiale sull’inchiesta che i magistrati lombardi stanno conducendo sulla vicenda calcioscommesse. I magistrati elvetici hanno aperto un’inchiesta su riciclaggio per un conto corrente che Mauri avrebbe in Svizzera, conto che è intestato ai genitori. Per questo motivo a Cremona era stata già sentita la madre del calciatore come persona informata dei fatti e che ora accompagnerà il figlio in Svizzera. Il pm svizzero Elena Catenazzi il 21 settembre a Cremona approfittò anche per sentire il portiere Gritti che ha parlato di nuove combine (già nel mirino della Fifa) e spiegato il ruolo di Ilievski e Gegic. Qualcosina hanno raccontato anche Gervasoni e Carobbio. Chiaro che gli sviluppi dell’inchiesta svizzera interessano molto anche i magistrati di Cremona. C’è da capire (anche se al momento non ci sono elementi che lo provino) se ci siano dei legami tra movimenti di denaro riconducibili alle scommesse e lo stesso conto intestato ai genitori di Mauri (come noto, il calciatore è indagato anche nell’inchiesta cremonese del calcioscommesse). Mauri sarà ascoltato domani mattina, ma raggiungerà Berna già da questa sera. Dovrà quindi saltare sia la seduta di allenamento odierna sia quella di domani, proprio nella settimana che porta alla sfida col Milan.

Fonte: gazzetta dello sport


Top