IL TEMPO Mea culpa Heinze: ho sbagliato. Pjanic adesso è un caso

Heinze e Gago

(M. DE SANTIS) – Il silenzio dei colpevoli. Bocche tappate, facce da protagonisti di una puntata di «Ai confini della realtà» e nessuna voglia di apparire. I giocatori, dopo aver fatto la frittata a Lecce e nonostante la libertà di parola concessa dalla società, hanno scelto autonomamente di stare in silenzio. Anzi, quasi tutti. Heinze, bontà sua, ha trovato il coraggio di parlare (solo a Roma Channel, per la verità). «Mi prendo tutte le responsabilità – ha ammesso, reo confesso, l’argentino – perché sono mancato io. Siamo delusi, ma non ci arrendiamo».

Per Pjanic, rimasto in panchina, si può parlare di un piccolo caso: dichiarato completamente guarito, ma ancora troppo impaurito nei pochi allenamenti prima di Lecce. Per mercoledì si spera che sia, finalmente e psicologicamente, a posto. Missione non impossibile, dal punto di vista fisico, per Totti, Borini e Greco, tutti e tre reduci da un proficuo sabato lavorativo a Trigoria. Il capitano, ad esempio, ha ripreso a correre e non ha più fastidi. Oggi e soprattutto domani se ne saprà di più. La Roma, infatti, si allenerà sia a Pasqua che a Pasquetta alle 11. Più che santificare le feste, c’è molto poco da festeggiare e l’Udinese alle porte.

Top