IL ROMANISTA Scommesse, i deferimenti s’avvicinano

Calcioscommesse

(P. A. Coletti) – «Entro la fine di aprile e l’inizio di maggio c’è l’impegno della Procura federale di dare luogo a tutti i deferimenti che risultassero necessari» parola diGiancarlo Abete. Il presidente dela Figc, a margine del convegno “Le regole, il rispetto, la reputazione” organizzato dalla Lega di Serie B, ha rassicurato tutti specificando che a breve sarà chiara la situazione delle classifiche di serie A e B alla luce dei primi risultati dell’inchiesta della procura sul calcioscomesse. «In quei giorni – ha spiegato Abete – il procuratore Palazzi si è impegnato a definire la situazione come è maturata finora in base ai documenti pervenuti dalla procura della repubblica di Cremona. Palazzi ha evidenziato che fisiologicamente bisogna svolgere un’inchiesta a tronconi. In questi giorni la Procura di Cremona sta svolgendo nuovi interrogatori e in Figc c’è massimo collegamento con la Procura di Napoli, che in tempi brevi metterà a disposizione documenti utili per aprire un nuovo troncone». Dichiarazioni che giungono nel giorno più caldo del processo sportivo di questo nuovo scandalo. Ieri la  Procura federale che ha svolto ben 20 interrogatori. Tra i più attesi quelli dell’ex attaccante del Chievo Federico Cossato, tirato in ballo dal pentito Carlo Gervasoni, e quelli di Marco Esposito e Lorenzo Sibilano, ascoltati in merito al loro presunto coinvolgimento in Verona Bari del 10 giugno 2007, partita finita 4-2. I legali dei giocatori ascoltati ieri si sono detti tutti molto soddisfatti. «È andata benissimo – ha commentato il legale di Cossato, Sergio Puglisi Maraia -. Abbiamo risposto a domande sul contesto generale, non su partite in particolare. Niente di speciale». Nella giornata di ieri era previsto anche l’interrogatorio del presidente del Siena Massimo Mezzaroma, tirato in ballo sempre da Gervasoni, che, nell’interrogatorio del 12 marzo scorso, dichiarò ai pm di Cremona: «Gegic (uno del gruppo degli “zingari”, ndr) mi riferì di aver appreso da un suo amico del Kazakhistan che il presidente del Siena diede dei soldi ai giocatori del Modena Tamburini e Perna per vincere l’incontro Modena-Siena terminato 0-1. L’incontro è stato il 26 febbraio 2011». L’audizione di Mezzaroma però è stata rinviata a data da destinarsi per motivi di salute. Nella giornata di ieri è giunta ance la notizia della conferma di 5 anni di squalifica per Giusepe Signori. Il Coni ha comunicato che Il Collegio arbitrale del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport ha respinto l’istanza di arbitrato presentata da Signori contro la Federazione, confermando la squalifica e la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della Figc.

Top