Gazzetta dello Sport Bologna, l’attesa di Destro. Un gol come dolce vendetta

La panchina rossoblù numero 100 vivrà sul solito tormentone per Roberto Donadoni: Destro sì o Destro no? Quella contro la Roma è una partita sempre particolare per il centravanti del Bologna, il cui ultimo flash in questa stagione è quell’incredibile gol sbagliato al tramonto del derby con la Spal. Da lì ci sono stati lo spezzone finale della partita contro l’Atalanta e i 90 minuti di panchina contro la Lazio. Oggi potrebbe esserci il grande rientro, proprio nell’occasione a cui Mattia tiene maggiormente. Quella con la Roma.

Fin qui Destro in campionato ha giocato 23 partite su 29 (17 da titolare) con 6 gol all’attivo. Da quanto trapela da Casteldebole – scrive la Gazzetta dello Sport -, in settimana si è allenato molto bene dimostrando un’eccellente condizione di forma. Per questo Donadoni sta pensando di riproporlo, in un ballottaggio con Federico Di Francesco che verrà sciolto solo all’ultimo. Una precarietà con la quale l’attaccante di Ascoli Piceno ha dovuto convivere in questa stagione.

La crisi del terzo anno, proprio come quella vissuta a Roma con cifre simili a Bologna: 19 gol nei primi due anni di A in entrambi i club, poi 5 nel terzo anno in giallorosso (interrottoametà con il prestito al Milan) e 6 sotto le Due Torri fino ad ora. A Roma, l’avventura non è finita benissimo, come testimoniano i fischi che lo hanno accolto in campo all’86’ della gara di andata quando partì ancora dalla panchina, ma il legame con la Capitale è comunque stretto e lì tornerà a vivere a fine carriera.

Top