Il Messaggero Salah pronto per la panchina. El Shaarawy chiede spazio

(G. Lengua) Luciano Spalletti tira un sospiro di sollievo in vista della Juventus: oggi Mohamed Salah ritornerà ad allenarsi con il gruppo dopo lo stop per la lesione alla caviglia che lo ha tenuto fermo per 15 giorni e strapperà la convocazione per la partita di Torino. «Se sarà in grado di fare venti minuti lo porterò anche con il Milan», ha detto il tecnico alla vigilia della gara con i rossoneri, segno di quanto sia atteso il suo ritorno specialmente adesso che Bruno Peres si è accomodato in infermeria. L’esterno si è sottoposto ad ulteriori accertamenti dopo l’infortunio alla caviglia sinistra di lunedì scorso che lo ha costretto lunedì scorso a uscire al 42’; la diagnosi non parla di lesioni ma solo di un impegno distrattivo del compartimento legamentoso, lo staff sanitario ha preferito non sbilanciarsi sui tempi di recupero ma sarà difficile che possa seguire la squadra a Torino. Totti e Vermaelen sono fermi per colpa dell’influenza, ma stanno tentando il recupero in extremis.

PROVE TATTICHE Senza il brasiliano, Lucio ricorrerà ad El Shaarawy dal 1’: con una difesa composta da Ruediger esterno destro, Manolas-Fazio centrali e Palmieri a sinistra, sulla linea della trequarti giocheranno Perotti, Nainggolan e il ‘Faraone’, la prima (e unica) punta sarà Dzeko, mentre i due di centrocampo De Rossi e Strootman. Una seconda (remota) ipotesi potrebbe essere quella di escludere El Shaarawy e avanzare Palmieri, inserendo a sinistra Juan Jesus.

PARTITA IN CUCINA Lo scontro diretto di sabato sera tra Juventus e Roma, però, non si gioca solo in campo ma anche ai fornelli per contribuire a una importante iniziativa di solidarietà: Totti, Marchisio e Barzagli sono infatti tra gli 80 personaggi che hanno raccontato la loro ricetta del cuore per la realizzazione del libro “Cuochi si nasce, famosi si diventa” a favore della Fondazione Paideia di Torino, che dal 1993 opera al fianco di famiglie e bambini in difficoltà.

Top