IL TEMPO Una matita per ogni giornalista. L’omaggio di Rudi a Charlie

Rudi Garcia
Rudi Garcia

(F.Schito) – «Sono francese e siamo in lutto. Il mio è un gesto di solidarietà per il Paese, dobbiamo essere tutti uniti in questo momento». Con queste parole Rudi Garcia ha spiegato il motivo per cui i giornalisti, nella giornata di ieri, hanno trovato una sorpresa su ogni sedia nella sala stampa per la conferenza pre-partita a Trigoria. Un gesto commemorativo per la tragedia che ha colpito il giornale satirico Charlie Hebdo e la Francia intera. Il tecnico transalpino ha fatto trovare in ogni postazione una matita, come simbolo dei fumettisti uccisi in un attacco terroristico. «È stato un attacco alla libertà d’espressione – ha proseguito Garcia, che ha lasciato in vista il cartello con su scritto “Je suis Charlie” per l’intera conferenza stampa – e nessuno come voi può capirlo. Noi siamo come i giornalisti di Charlie Hebdo, facciamo in modo che la gente si diverta con il calcio. Per questo mi sento uno di loro: dopo questa tragedia, siamo tutti Charlie».

Top