VIOLENZA STADI Marino: “Celle nell’Olimpico per combattere gli ultrà”. Alfano: “Penso al Daspo a vita”

Ignazio Marino
Ignazio Marino

In Italia, dopo i fatti avvenuti a Tor di Quinto in occasione della finale di Coppa Italia, si parla molto delle misure di sicurezza da adottare e delle pene “Io metterei le celle dentro lo stadio Olimpico e applicherei il Daspo a vita” come misura di prevenzione contro la violenza negli stadi. Lo ha detto il sindaco di Roma Ignazio Marino, a margine della presentazione del Piano per Roma sicura, al Viminale. “La violenza -ha rimarcato il primo cittadino di Roma Capitale- deve essere punita, dobbiamo agire con severita’”. “Sono soddisfatto -ha aggiunto- che il ministro dell’Interno Alfano abbia accolto pubblicamente alcune richieste che avevo fatto per iscritto il 18 aprile scorso: un contrasto efficace allo spaccio e alla prostituzione, ma anche all’abusivismo, riferendomi alla vendita di prodotti contraffatti e ai reati collegati alla movida. La presa d’atto del Viminale rispetto al fatto che da circa dieci mesi lamento una necessita’ di maggior coordinamento, per me e’ motivo di grande soddisfazione”.

Con la conclusione del campionato possiamo cominciare ad evidenziare alcune strategie per il prossimo. Questo riguarda l’operativita’ non le norme contro il contrasto alla violenza negli stadi, per queste sono d’accordo con il presidente del Consiglio, ce ne occuperemo nella pausa estiva, e penso al daspo a vita per i violenti“. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano alla presentazione del Piano della Sicurezza per Roma.

Illustrando il capitolo che riguarda lo Stadio Olimpico Alfano ha aggiunto “oggi mettiamo nel piano Roma sicura un’ ulteriore segmentazione dei settori dello stadio Olimpico per garantire piu’ sicurezza, un potenziamento del servizio di video sorveglianza interna allo stadio, l’implementazione della video sorveglianza cittadina nelle vie di afflusso allo stadio, l’ ampliamento dell’ anello di sicurezza intorno all’Olimpico, il potenziamento dei controlli sui commercianti ambulanti per prevenire la presenza di soggetti potenzialmente pericolosi, il potenziamento dei controlli alle uscite autostradali e sulla tangenziale“.

Attenzione particolare ci sara’ anche per gli abitanti delle zone limitrofe “c’e’ un paragrafo destinato ai quartieri di Roma nord: non si puo’ accettare che vivano con terrore un evento sportivo che dovrebbe essere di festa” ha aggiunto Alfano. Il ministro dell’Interno ha spiegato che “si tratta di un intervento organico, poi servono norme piu’ severe e un’azione di prevenzione piu’ efficace, per tutto questo occorrono soldi e investimenti economici, ci stiamo attrezzando per trovarli prima dell’inizio del campionato“.

Fonte: Italpress

Top