GAZZETTA.IT Mai più morti in campo, ora c’è il test del dna

(Alex Frosio) - La scomparsa di Morosini ha stimolato la ricerca per evitare altre tragedie. Con la tecnologia sarà possibile scoprire prima chi sono gli atleti più a rischio di malattie cardiovascolari. Mai più morti in campo. La cosiddetta morte improvvisa, il black out del cuore che ha portato a drammi come

LIVORNO-ATALANTA Striscione in ricordo di Morosini dei tifosi bergamaschi

"Piermario non ti dimenticheremo mai". Con questo striscione dedicato a Piermario Morosini, il calciatore del Livorno morto in campo a Pescara il 14 aprile del 2012, si sono presentati i circa duecento tifosi atalantini oggi allo stadio Picchi di Livorno, nell'anticipo delle 12.30 per assistere al match Livorno-Atalanta. Fonte: Ansa

AS ROMA Domani a Trigoria seconda lezione su rianimazione cardio-polmonare

Attraverso il proprio profilo di Twitter l'AS Roma fa sapere che: "Domattina al Bernardini si terrà la seconda lezione sulla rianimazione cardio-polmonare per gli operatori delle squadre giovanili del club. Il corso è organizzato dallo Staff Sanitario dell'AS Roma in collaborazione con la "Fondazione Giorgio Castelli Onlus" e "ARES 118 Lazio"".

DRAMMA MOROSINI I medici sportivi aprono l’inchiesta

Anche la Federazione italiana di medicina sportiva apre un'inchiesta interna sul caso di Piermario Morosini, il calciatore del Livorno morto in campo per un malore il 14 aprile scorso. "Fermo restando il massimo rispetto per l'attività della magistratura - spiega il presidente Maurizio Casasco- anche noi della Federazione abbiamo deciso

MONDO Muamba: “Ho ripreso a calciare un pallone”

Il centrocampista del Bolton Fabrice Muamba, che a marzo ha subito un arresto cardiaco in campo, riassapora la gioia del calcio giocato. Lo ha raccontato lui stesso alla Cnn: ''Ero in vacanza a Dubai, lo scorso maggio, quando ho visto delle persone giocare a calcio. A quel punto mi sono avvicinato

DRAMMA MOROSINI Oggi Piermario avrebbe compiuto 26 anni

Avrebbe compiuto oggi 26 anni Giampiero Morosini, scomparso lo scorso 14 aprile durante il match di Serie B tra Pescara e Livorno in seguito ad un'improvvisa crisi cardiaca. A tre mesi di distanza dalla tragedia la perizia ordinata dalla magistratura ha stabilito che la causa del decesso può ritrovarsi in una

AS ROMA Di Francesco: “Montella e Stramaccioni due predestinati”

In attesa di sedere di nuovo su una panchina, Eusebio Di Francesco, ex allenatore del Pescara, ha parlato della situazione in casa Roma e di Luis Enrique. Ecco le sue parole: Montella? "Ha fatto benissimo nella sua esperienza a Catania, in una società piccola ma molto organizzata. Vincenzo merita la chance della Roma

MERCATO ROMA Capozucca (ds Genoa): “C’è l’accordo con l’Inter”

Il direttore sportivo del Genoa, Stefano Capozucca, si è espresso sul futuro dell'argentino Palacio: “Interessa a diversi club di serie A, valuteremo la situazione nella prossima stettimana. C'è già un accordo verbale tra Preziosi e Moratti che in caso di cessione avremmo dato priorità all'Inter. Vedremo”. Fonte: Radio Manà Sport

DRAMMA MOROSINI Spunta l’ipotesi miocardite

Dopo l'esame autoptico svolto sulla salma dello sfortunato giocatore del Livorno  Piermario Morosini, la stessa avrebbe rintracciato una area cicatriziale nella zona ventricolare sinistra. Si fa sempre più spazio allora l'idea che a causare la mrote del centrocampista possa essere stata una miocardite che avrebbe colpito il circuito elettrico del cuore. Secondo l’anatomopatologo

SERIE B Tragedia scongiurata, Pomante sta bene

Al 47' dell'incontro Nocerina-Reggina, il giocatore Marco Pomante della squadra di casa si è accasciato a terra a centrocampo senza aver riportato scontri di gioco. I calciatori hanno richiamato l'attenzione del'arbitro. Poi è giunta una barella e il giocatore è stato trasportato via in ambulanza, con un reggicollo e apparentemente cosciente. A quanto

GAZZETTA GIALLOROSSA Colantuono: “La Juve è fortissima, la Roma soffre le ripartenze. Risultato? Non sempre va come deve andare”

A pochi giorni dal big match dello Juventus Stadium, tra i padroni di casa e la Roma di Luis Enrique, la redazione di Gazzettagiallorossa.it, ha contattato Stefano Colantuono. L'allenatore dell'Atalanta, dopo aver incontrato sia i bianconeri, che i giallorossi, ha espresso un giudizio tecnico sulle due compagini e sulla partita

TRABAJO Y SUDOR La lavagna tattica di ADC

24 Gennaio 2012. Ripartire da lì. Ripartire dall'approccio mentale sbagliato, dalla lezione tattica impartita da Antonio Conte, tornare a disputare una gara alla pari, da Roma. Esorcizzare lo Juventus Stadium come solo i ragazzi di Alberto De Rossi sono riusciti a fare, giocando sfrontati e compatti. Il fortino juventino non

Top