Conferenza stampa, Fonseca: “Dobbiamo crescere ancora. Zaniolo titolare? Vediamo domani… Europa League? Penso solo alla Fiorentina”

Alla vigilia di Roma-Fiorentina torna a rispondere alle domande dei cronisti l’allenatore della Roma, Paulo Fonseca. I giallorossi, dopo il rotondo risultato ottenuto a Ferrara contro la Spal, ospiteranno la formazione di Iachini per tentare di dare una sterzata definitiva alla corsa per il quinto posto, attualmente principalmente insidiato dal Milan. Di seguito le parole del mister:

Ancora tre partite di campionato, poi il Siviglia. Quanto può crescere questa squadra?
La squadra è in un buon momento sia tatticamente che fisicamente. Dobbiamo continuare a crescere a tutti i livelli, ma è importante dire che pensiamo solo alla Fiorentina e dobbiamo mantenere la stessa ambizione degli ultimi match. E’ un modulo nuovo, possiamo imparare tanto ma devo dire che la squadra ha fiducia ed è motivata. Queste ultime partite sono importanti per arrivare bene alla sfida contro il Siviglia.

Zaniolo può partire dal primo minuto?
Vediamo domani, con la Spal è andato bene ma non possiamo dimenticare che non si era allenato prima dell’ultima gara. E’ importante gestire bene la situazione di Nicolò dopo un infortunio così lungo.

Come si supera il problema degli errori di tattica individuale o collettiva?
Gli errori le fanno tutte le squadre e in tutte le partite. Non abbiamo moltissimo tempo per lavorare ma abbiamo i video per correggerci ed io parlo spesso con i miei giocatori. Lavoriamo sempre per migliorare le situazioni in cui non abbiamo fatto bene.

E’ preoccupato dalla possibilità che Smalling possa non esserci per l’Europa League? 
Sono totalmente focalizzato sulla partita con la Fiorentina, non ho ancora pensato all’Europa League.

Ha visto cosa è successo mediaticamente con il rimprovero di Zaniolo. La prossima volta potrebbe comportarsi diversamente?
Questo per me non è un caso. Io parlo sempre onestamente e qui non c’è nessun problema. Cose così succedono in tutte le squadre e l’importante è risolverle sul momento. Questo per me è un non-caso.

Che idea si è fatto sulla possibile cessione di Dzeko?
Non penso al mercato, penso solo alla gara con la Fiorentina che sarà difficile.

Come sta il bosniaco? Le sembra scontento?
Sta bene, non è scontento ed è molto motivato, cosa per me molto importante.

In Europa League uno tra Pellegrini e Mkhitaryan può giocare davanti alla difesa?
Penso solo alla Fiorentina (ride, ndr). Per me la cosa importante adesso è la gara di domani.

Kolarov e Bruno Peres sono in grado di giocare dall’inizio o hanno bisogno di tirare il fiato?
No, loro possono giocare domani.

La Roma marca più a uomo dall’inizio del campionato?
No, non marchiamo a uomo, ma abbiamo zone di pressione in cui dobbiamo essere più aggressivi. Dipende dalla zona di pressione.

Rispetto all’andata chi è cambiato di più?
Abbiamo cambiato modulo ma la Fiorentina è in un ottimo momento. Non hanno perso nelle ultime sei gare, ora hanno pareggiato con l’Inter e  stanno giocando bene. Sarà una gara difficile contro una squadra che sta molto bene.

Il pareggio del Milan rende la partita di domani un match point, visto anche il calendario dei rossoneri?
Non so quante siano le partite facili qui, e non so se il calendario del Milan è più facile del nostro. Dobbiamo solo pensare a vincere contro una squadra che sta bene, sarà una gara difficile.

Top