Allegri resta, ora Pallotta aspetta Conte

Conte

(A. Mauro – S. Carina) – Tutti gli indizi portano al rinnovo, ma per la certezza bisognerà aspettare il faccia a faccia di metà settimana tra Andrea Agnelli e Max Allegri.Mercoledì, o al più tardi giovedì, allenatore e presidente (di ritorno dal summit a Madrid per la European Leagues) si incontreranno per analizzare il presente e pianificare il futuro prima di stringersi la mano a sancire il rinnovo (di un anno) con adeguamento dello stipendio intorno ai 9 milioni di euro a stagione. La dirigenza bianconera ha accarezzato il sogno Guardiola, ma Pep non si muove. «Ho grandi giocatori – le sue parole ieri a Sky UK – qui ho tutto quello che voglio: perché dovrei cambiare?». La stessa domanda molto probabilmente se l’è posta anche Max, al termine della quinta stagione juventina, con ennesimo Scudetto e ulteriore delusione in Champions. Se il tecnico ha ritrovato le motivazioni per ripartire, c’è un gruppetto per cui i saluti saranno inevitabili: Douglas Costa, Cancelo (sondato dal Manchester City) oltre a Dybala, Alex Sandro e Pjanic.

CONFERMA E ATTESA – La conferma di Allegri chiuderebbe un’altra porta a Conte. Che però, continua a prendere tempo con la Roma. A Trigoria c’è chi interpreta questo silenzio come un segnale negativo. Altri invece preferiscono non attribuirgli molto peso considerando che fino a quando non ci sarà la sentenza del tribunale di Londra sulla controversia con il Chelsea, il tecnico è impossibilitato dal firmare o accordarsi con un’altra squadra. In ballo ci sono l’ingaggio (10 milioni di sterline) sino al prossimo 30 giugno oppure i 9 milioni che gli spetterebbero in caso di interruzione anticipata più una richiesta di danno d’immagine. A tal proposito, nella serata di ieri è circolata l’indiscrezione di come il verdetto sia ormai imminente, con esito favorevole al tecnico che potrebbe così impegnarsi con un nuovo club. Aspettando conferme nelle prossime ore, vanno inoltre registrate le dichiarazioni dell’ad interista Marotta ai microfoni di Dazn, prima del match con l’Udinese: «Con Spalletti c’è un ottimo rapporto e non c’è alcun attrito. Portiamo in porto l’imbarcazione il prima possibile, poi vedremo il futuro, sicuramente con lui». Premesso che nel 2016, quando era ancora un dirigente della Juventus, lo stesso Marotta assicurò che non avrebbe mai pagato la clausola per Higuain (cosa poi avvenuta qualche giorno dopo, ndc), quelle di ieri sono comunque parole che hanno un peso non indifferente in un momento così delicato. Qualora venissero confermate, la Roma in Italia rischierebbe di correre da sola per Conte. A Trigoria non possono far altro che attendere, appesi alla risposta del tecnico. Come del resto fa Petrachi(ieri presente alla commemorazione per il Grande Torino) che resta agganciato a quella della società giallorossa. Il gelo con Cairo continua: nessun incontro è previsto a breve tra le parti. Intanto smentita l’indiscrezione rilasciata ieri da L’Equipe, secondo cui Pallotta sarebbe in trattativa con MourinhoNella testa della Roma, per ora, c’è soltanto Conte.

IDENTIFICATO TIFOSO BECERO – Identificato il becero tifoso della Juventus che, durante il derby della Mole, ha mimato il gesto dell’aeroplano per irridere i tifosi del Torino. È stato riconosciuto grazie alle telecamere presenti allo Stadium e ai controlli ai tornelli: per lui lo stadio sarà vietato praticamente a vita.

Fonte: il messaggero

Top