Di Francesco cambia la difesa

Juan Jesus

(T.Maggi) La Roma si rifà il trucco in difesa. L’infortunio di Manolas provoca inevitabili scosse di assestamento nel reparto arretrato giallorosso. Il greco, uscito per un problema muscolare durante la sfida con il Napoli, rimarrà ai box per due-tre settimane: gli esami ai quali si è sottoposto ieri mattina hanno evidenziato una lesione di primo grado muscolo/fasciale dell’adduttore lungo di sinistra. Da Trigoria spiegano che i tempi di recupero sono soggettivi e dipenderanno molto da come reagiranno i muscoli di Kostas. Il centrale salterà il Chelsea e le partite di campionato contro Torino, Crotone e Bologna. Proverà a rientrare per il ritorno con i Blues all’Olimpico previsto il 31 ottobre o comunque prima della sosta per le nazionali, nella trasferta di Firenze con i viola il 5 novembre. Anche perché il giocatore non vuole perdere l’appuntamento con la sua Grecia, impegnata negli spareggi per i prossimi Mondiali. Quel che è certo è che Di Francesco si ritrova adesso senza il suo pilastro difensivo e deve pensare alle soluzioni per dare forza e stabilità al reparto. Domani a sfidare l’attacco degli inglesi ci sarà Fazio che guiderà la difesa al fianco di Jesus: i due cercheranno di perfezionare un’intesa che dovrà durare anche nelle prossime partite. Il tecnico infatti punterà su di loro ma sa anche che dovrà coinvolgere altri giocatori per un inevitabile discorso di turnover: potrebbe presto scoccare l’ora di Moreno che dall’inizio del campionato ha giocato appena 30 minuti. La difesa riceverà nuova linfa anche sugli esterni dove Karsdorp potrà far rifiatare lo stakanovista Peres: l’olandese, premiato con la prima convocazione nella sfida con il Napoli, è pronto per cominciare a mettere nelle gambe minuti preziosi. Contro il Chelsea, però, il tecnico punterà ancora sul brasiliano che partirà dal 1′.

Sulla stessa fascia sarà confermato in posizione avanzata Florenzi che andrà a completare il tridente d’attacco con Dzeko e Perotti. Potrà essere un cambio utile a partita in corso El Shaarawy che ieri è tornato ad allenarsi con il gruppo. Non ci saranno Schick e Defrel che proseguono il lavoro individuale. E’ completamente recuperato, invece, Strootman che è pronto a riprendersi il centrocampo: allo Stamford Bridgetornerà titolare al fianco di Nainggolan e De Rossi. Oggi pomeriggio si parte per Londra (dove è atteso in tribuna il presidente Pallotta) dopo la rifinitura a Trigoria fissata alle 10.30. «Non vediamo l’ora di giocare – le parole di Baldissoni a margine dell’evento Forum Sport e Businessin Champions la corsa la facciamo su noi stessi perché i punti li dobbiamo fare noi». Il dg si dice fiducioso sulla crescita della squadra e commenta così i tanti infortuni muscolari che stanno colpendo la rosa: «Dispiace e preoccupano ma non è un problema solo nostro. Quando si cambia il metodo di lavoro c’è questo rischio ma molti ko sono legati alla casualità o alle nazionali. La sconfitta con il Napoli? Resta il dispiacere di aver perso una gara che potevamo non perdere ma andiamo avanti consapevoli di dover ancora raggiungere il nostro massimo potenziale». La chiosa è su Spalletti: «Non rimpiangiamo lui o nessun altro. Siamo felici di quello che stiamo facendo e contiamo di fare meglio di quanto fatto in passato».

fonte: Il Tempo

Top