GAZZETTA DELLO SPORT Primavera, Roma-Sampdoria. Occhio a Falcone: para e tifa Totti

Roma Primavera
Roma Primavera

(F.Oddi) – L’ostacolo più grosso, tra la Roma Primavera e la finale dei playoff, è un ragazzone di 1.95, che Mihajlovic a gennaio ha promosso terzo portiere della Sampdoria, Wladimiro Falcone, una quindicina di convocazioni tra Under 18 e Under 19. Uno che se gli chiedi il campione preferito non risponde Buffon ma Francesco Totti: cresciuto nella Lodigiani, fino al 2010 giocava nella Vigor Perconti, a due passi dalla bretella della A24, pronto a prendere il raccordo per venire a Trigoria, nella squadra per cui ha sempre tifato. Lo seguivano, piaceva molto, ma a Genova furono lesti a inserirsi: due anni fa, alle finali Allievi, dette una bella mano ad eliminare la Roma di Tovalieri, poi parò due rigori all’Empoli regalando ai suoi uno scudetto inatteso e irripetibile. Capitano della squadra, Mattia Lombardo, figlio d’arte: oggi ci sarà, in compenso mancheranno 8 compagni, infortunati, e il tecnico, Enrico Chiesa, ha dovuto saccheggiare gli Allievi per arrivare a 20 convocati.

FORMAZIONE TIPO  Per De Rossi, invece, solo problemi d’abbondanza: Garcia gli ha rimandato tutti quelli nel giro della prima squadra, da Mazzitelli — 12 partite e 6 gol, da centrocampista — a Jedvaj, fino a Federico Ricci, Berisha, Marin e Pellegrini, portato per la prima volta in panchina a Catania. Calcio d’inizio alle 15, ingresso libero per i tifosi, gara secca, supplementari e rigori: si gioca a Trigoria, come l’eventuale finale di sabato, con la vincente di Inter-Empoli. Un anno fa la Roma si fermò proprio ai playoff e proprio coi nerazzurri, ma c’è una Sampdoria da battere prima di pensare alle rivincite.

Top