AS ROMA Perrotta: “La Roma vale più dei trofei. Mi porterò per sempre dentro la partita di Siena”

Perrotta esulta con Pjanic

Eco le parole del centrocampista giallorosso Simone Perrotta ai microfoni dell’emittente satellitare:

Questa partita ha rappresentato tante cose per me. Certi ricordi mi accompagneranno per tutta la vita ». Non poco per un calciatore che ha vinto un campionato del mondo da titolare: «Divido in due momenti la felicità. Il primo è la festa dei miei compagni, che è cominciata in campo ed è continuata negli spogliatoi. Il secondo è l’affetto speciale che ho ricevuto il giorno dopo dai tifosi. Queste sensazioni non si dimenticano e valgono più di tanti trofei. Con Zeman va tutto bene. E’ un allenatore diverso dagli altri perché pensa sempre ad attaccare per fare un gol più degli altri. Bada poco alla fase difensiva ma la squadra si difende bene. Spero ci possa dare delle soddisfazioni» . Al posto di Zeman, nella Roma, poteva esserci Montella: «L’ho avuto per tre mesi. Vincenzo ha dimostrato delle qualità, che poi ha confermato a Catania e a Firenze facendo giocare un buon calcio alle sue squadre. Mi ha sorpreso la sua calma. De Rossi? Daniele è un protagonista di questa squadra, un giocatore che ha qualità superiori alla media ed è un ragazzo eccezionale, attaccatissimo a questa maglia e a questa società: solo noi abbiamo visto quanto fosse amareggiato negli spogliatoi dopo l’espulsione nel derby. Adesso si sta allenando in modo eccezionale. Ma forse il suo problema è proprio questo: siccome ci ha abituati a giocare sempre a livelli altissimi, in un momento di normalità viene giudicato disastroso. In realtà non è così. De Rossi può darci ancora tantissimo. Sneeijder? Negli ultimi anni sta prendendo piede una tendenza che non mi piace. Quando un giocatore rifiuta un rinnovo viene messo ai margini dalla società. All’estero questo non succede, in Italia sì: è un malcostume”.

Fonte: Corriere Dello Sport

Top