AS ROMA Porte girevoli

Stekelenburg

Quello del portiere è un lavoroo duro, ma qualcuno lo deve pur fare. Tranne rare (o brevi) parentesi, nella Roma del dopo-Tancredi il ruolo del portiere si è appesantito di responsabilità sempre maggiori. Errori e orrori hanno contraddistinto la storia degli estremi difensori degli ultimi due decenni. La papera con la quale Goicoechea ha concesso il pareggio nell’ultimo derby rappresenta soltanto l’ultimo di una lunga serie di episodi sfortunati. Per utilizzare un eufemismo.

A cavallo tra le ere Viola e Sensi, sono tanti i portieri che si succedono alle spalle di Cervone. Nessuno riesce però a portargli via il posto. Non il giovane Tontini, che debutta nella stagione del Flaminio, ma ferma le sue presenze alla giornata dell’esordio. Non Zinetti, che in tre anni non supera le 30 partite. Non Berti, meteora nella disgraziata stagione trascorsa sotto la guida di Carlos Bianchi. E nemmeno Sterchele, arrivato con le stimmate del talento da Vicenza, ma passato da Roma senza lasciare traccia. Perfino Lorieri, il paratutto di Ascoli (tanto da conquistare la copertina del mitico album Panini), si smarrisce in giallorosso. Pur essendo sotto l’egida del suo mentore Mazzone. La speranza di trovare un degno erede di Franco Tancredi rinvigorisce con l’arrivo di Konsel, nel 1997, durante lo Zeman primo.

L’allenatore friulano chiede e ottiene Antonioli. L’inizio dell’avventura è incoraggiante, ma l’anno dello scudetto il punto debole sembra essere proprio tra i pali. Autore di qualche goffo intervento, l’ex milanista viene beccato dal pubblico dell’Olimpico al punto da far intervenire capitan Totti in sua difesa. (…) alla fine arriva Pelizzoli, che si è messo in luce con l’Atalanta. Un lungo record d’imbattibilità illude tutti, ma anche il bergamasco “si perde” presto. La nuova stellina del vivaio è Curci, che però dopo qualche incertezza induce Spalletti a puntare sul semisconosciuto Doni. Il brasiliano gioca due stagioni ad alti livelli, finché un infortunio non ne fiacca la reattività. E le prestazioni. Ranieri non si fida più e dopo un brevissimo interregno di Artur si affida a Julio Sergio. Miracoloso all’inizio, controfigura o poco più nel prosieguo. Siamo ai giorni nostri. E’ il turno di Stekelenburg, Lobont e Goicoechea. Le incertezze proseguono, la speranza è che il tributo alla sorte sia esaurito.

 

Fonte: corriere dello sport


Top