CORRIERE DELLO SPORT Una follia di cui avremmo fatto a meno

Stadio Comunale Is Arena

(A. Dalla Palma) – In questo calcio che non ha più limiti e regole, dove addirittura due allenatori comeAllegri e Filippo Inzaghi si mettono quasi le mani addosso davanti a dei ragazzini increduli, ci mancava soltanto un presidente pronto a chiamare a raccolta tutti i suoi tifosi in uno stadio appena chiuso dal Prefetto. Cellino stavolta l’ha fatta davvero grossa, forse non si è reso nemmeno conto di cosa ha combinato a poche ore da un Cagliari-Roma già avvelenato dalle polemiche.

Pur comprendendo tutta la sua frustrazione per non avere ancora un impianto agibile dopo mesi di battaglia con il Comune, il patron non aveva assolutamente il diritto di convocare i tifosi all’Is Arenas, impianto non ritenuto ancora agibile dalle Autorità: non è lui che può decidere se ci sono o no le garanzie di sicurezza per gli spettatori. Si trattava di una vera e propria istigazione a disattendere la Legge, che naturalmente ha provocato il rinvio immediato dell’incontro. Chi se la sarebbe presa, infatti, la responsabilità di far giocare questa partita con tutti i rischi del caso, magari con la gente dentro un impianto non a norma? Siamo sicuri che i tifosi del Cagliari avrebbero avuto più buon senso del loro presidente e sarebbero rimasti tutti a casa, senza raccogliere un appello assurdo, ma alla fine, è meglio che la gara sia stata rinviata. Ora ci pensino i giudici, ordinari e sportivi, a sistemare questa incresciosa vicenda, altra macchia per il nostro calcio in agonia


Top