LEGGO. Roma, è Isla il regalo di Natale

Isla

(F.Balzani) La Roma prepara il colpo invernale. È giovane (classe ‘88), ha esperienza (è in Italia da 5 stagioni) e sa fare benissimo sia la fase difensiva, sia quella offensiva: si chiamaMauricio Isla e risponde alla perfezione all’identikit del terzino tracciato da Luis Enrique. Lo sa bene Sabatini, che già in estate provò a portare il cileno a Trigoria ma l’Udinese (con il preliminare di Champions con l’Arsenal alle porte) non voleva privarsi di un altro gioiello dopo aver già ceduto Inler e Sanchez. Sabatini in questi mesi è rimasto però in stretto contatto con l’entourage di Isla, giocatore che inizia a sentire l’esigenza di provare l’esperienza in una grande piazza. Il procuratore del cileno, Rodriguez, si incontrerà con il patron dell’Udinese Pozzo il prossimo 24 novembre. Guarda caso un giorno prima di Udinese-Roma. Non può essere una semplice coincidenza neanche la presenza a Trigoria di Stefano Antonelli (consulente di mercato dell’Udinese). Per convincere Pozzo (e superare la concorrenza dell’Inter) c’è bisogno di un’offerta non inferiore ai 12 milioni. Cifra che potrebbe essere ammortizzata dal prestito di due giovani della Primavera o ricavata da una cessione importante come quella di Borriello. Il Milan rivorrebbe il bomber, ma in prestito mentre la Roma vorrebbe cederlo a titolo definitivo. In attesa di Isla, a Trigoria è arrivato Nico Lopez. L’incontro tra il procuratore del «Conejo», Betancour (lo stesso di Hernandez), e Sabatini è avvenuto ieri a Trigoria e ha avuto esito positivo: contratto quinquennale da 250 mila euro a stagione e 25% del cartellino che resta nelle mani del procuratore. Lopez, 18 anni, è dipinto come un ragazzo molto timido ma dalle grandi potenzialità, e dalla prossima settimana si allenerà con la Primavera. «Ma per me può fare bene da subito in serie A», garantisce Sabatini. Sul ds è piombata intanto la Fiorentina. Il divorzio a fine stagione con Corvino, l’arrivo di Delio Rossi e il contratto in scadenza di Sabatini sono 3 elementi da non sottovalutare. Nonostante le smentite di rito.(ass)

Top